Diciamo la verità. In una settimana di Governo Draghi sembra cambiato poco ma in realtà è cambiato tutto. Mentre la squadra di Governo deve essere ancora completata con i Vice Ministri e sottosegretari, il Premier Draghi con il suo stile sobrio e riservato ha cambiato completamente l’immagine di Palazzo Chigi. Niente dirette Facebook annunciate a reti unificate, niente post sui social, niente veline di Casalino, nessuna immagine patinata trasmessa in tv e nei soliti talk show.

Del sistema Casalino e del suo modo di fare, a mio parere, disinformazione rimangono evidenti gli ultimi residui in questi giorni. Infatti, il fido Rocco è ospite in tutte le trasmissioni con la scusa di presentare il suo memoriale e parlare dell’amato Conte e di quanto era bello e figo stare a Palazzo Chigi. Alcune trasmissioni, che prima erano monotematiche, sono completamente in stato confusionale. Continuano a parlare di Conte e dell’inspiegabile, a loro dire, motivazione per cui è stato cacciato da Palazzo Chigi con una nostalgia che fa tenerezza.

Ma pian piano anche questi piccoli rimasugli di amore per Conte sono destinati a terminare. Ci sono alcuni che in maniera affrettata hanno anche detto: “Avete visto, anche Draghi ha prorogato i divieti di spostamenti fra Regioni, non c’era bisogno di cambiare Conte.” Bisogna capirli e avere compassione. Il loro Mondo surreale è cambiato alla velocità della luce e per “colpa” del tanto odiato Renzi. Eh sì, l’ossessione Renzi. Ma anche questa è destinata a terminare.

Draghi ha già dato alcuni segnali importanti. Primo Consiglio dei Ministri alle 9 di mattina e non alle undici di sera. Ha fatto capire ai vari consulenti del Ministero della Salute che devono parlare con i Ministri e non creare allarmismo sui giornali. Ha sconfessato le grandi esuberanze di Arcuri. Su questo personaggio molto si vedrà in seguito. Di certo le vaccinazioni verranno fatte nei locali e spazi pubblici esistenti e non in ridicole e costosissime “primule”. Questo è il vero punto di svolta e chi non lo vuole vedere oltre ad essere poco onesto intellettualmente si ricopre di ridicolo.

Il piano di vaccinazioni del precedente Governo si è dimostrato inesistente. Draghi in breve tempo dovrà rimediare a questo grave aspetto. Solo ciò dovrebbe far capire per quale motivo è nato il Governo Draghi.

Un altro segnale di cambiamento di rotta si è avuto con Dario Franceschini. Il Ministro della Cultura è noto per esternare sempre la linea del Premier e infatti ha chiesto che i luoghi di cultura vengano riaperti a breve e per primi. E stessa cosa avverrà per i prossimi provvedimenti. Nessun annuncio all’ultimo momento ma concertazione e rispetto dei ruoli. Semplicemente serietà, competenza e sobrietà. Niente pagliacciate.

Su tali punti è importante che anche il sistema di informazione faccia la sua parte. Draghi non comunicherà sui social e non cercherà il consenso dei like, parlerà con i fatti e gli atteggiamenti. Molto si capirà con il piano per la gestione dei soldi europei e con i rapporti di reciprocità con Biden e la Comunità Europea.

Ma c’è un altro punto politico importantissimo che molti ancora non hanno compreso. I Partiti sono stati costretti a cambiare. La Lega non è più Salviniana ma segue il più democristiano Giorgetti. I 5Stelle sono completamente fusi e sparpagliati. Al Governo e rimasto il più furbo Di Maio. Alessandro Di Battista è uscito forse definitivamente dal Movimento e con lui sono stati cacciati altri trenta parlamentari. Berlusconi ha ripreso il suo ruolo governativo e pacato senza l’assillo leghista. Il Pd è ancora sconvolto per la perdita del caro Conte. Bettini pare stia pensando ad una vacanza in Thailandia.

Insomma, i partiti avranno due anni per rimodularsi e riposizionarsi ma ora devono pensare all’Italia senza alcuna esitazione. Questo ha già fatto Draghi. Per i miracoli ci sarà tempo.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi Swg, con Draghi gli indecisi arrivano al 41%. Crescono Meloni e Forza Italia, Renzi giù mezzo punto

next
Articolo Successivo

Prescrizione, respinto il nuovo blitz di Fdi: “Cartabia come Bonafede”. In aula l’ordine del giorno della maggioranza sul processo penale

next