Si è svolta oggi la riunione Ecofin a cui partecipano i ministri economico-finanziari dell’Unione europea. Per l’Italia era presente il neo ministro dell’Economia Daniele Franco che ieri aveva fatto il suo debutto nei consessi europei partecipando all’Eurogruppo riservato ai ministri della zona euro. L’Ecofin di oggi avrebbe dovuto, tra l’altro, esaminare la nuova lista europea dei paradisi fiscali, tecnicamente giurisdizioni non cooperative. Lista molto contestata poiché non solo, comprensibilmente, non include paesi della stessa Ue come il Lussemburgo o l’Olanda ma esclude anche stati come le isole Cayman che sono invece indicati come dei veri e propri “buchi neri” da tutte le associazioni che si battono contro il fenomeno dell’elusione ed evasione fiscale. La revisione della lista è però slittata, a causa dell’inteso dibattito sull’inclusione o meno della Turchia. Al termine della riunione il ministro portoghese delle finanze, Joao Leao ha sciolto la prognosi: “La Turchia non è inclusa nella lista, siamo riusciti a fare progressi sulla cooperazione sui parametri e quindi non c’è nella lista”, ha detto il ministro, presidente di turno dell’Ecofin.

L’altro tema sul tavolo dei ministri è stato naturalmente il Recovery fund e le tempistiche per la presentazione dei piani e quindi erogazione dei fondi. “La pubblicazione in gazzetta ufficiale del regolamento del Recovery fund avverrà giovedì, e dalla fine della settimana i piani nazionali possono essere formalmente presentati alla Commissione Ue” ha affermato Joao Leao. “Ricordo ai colleghi di presentare in modo rapido ed efficiente i piani, per consentire l’esborso” dei fondi, ha aggiunto. Prima che la Commissione possa andare sui mercati a reperire le risorse del Recovery, però, dovranno essere completate le ratifiche nazionali del Next Generation EU. Finora soltanto sei Paesi hanno ratificato. La presidenza portoghese si aspetta che gli altri lo facciano entro marzo.

Sull’economia europea “pesa ancora incertezza, ma le nostre economie dovrebbero dare i primi segnali di ripresa incisiva nella seconda metà di quest’anno. Il monitoraggio andrà avanti”, ha concluso Joao Leao, sottolineando che “non dobbiamo eliminare troppo presto le misure di sostegno economico”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eurogruppo, debutto europeo per il ministro Franco. “Discusso di situazione economica e sanitaria. Prospettive migliorano”

next
Articolo Successivo

Vaccini, l’Ue acquista altre 300 milioni di dosi da Moderna e 200 milioni da Pfizer. Von der Leyen: “Accelerare con le somministrazioni”

next