Mezza Milano si è svuotata per l’epidemia che ha cancellato pendolari, universitari, turisti e uomini d’affari. La fuga nei borghi? C’è già chi si pente: “Pochi stimoli e servizi”. Ma vivere diversamente le metropoli si può, spiegano Mercalli e Boeri. E le emergenze si battono con servizi più “smart”

Sabato 13 febbraio in edicola con il Fatto Quotidiano
Dal 14 febbraio solo FQ MillenniuM a € 3,90

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Rezza: “Indice di contagio in crescita. Preoccupano le varianti, avanti con la prudenza”

next
Articolo Successivo

Covid-19, così si è dimezzata Milano. Il futuro delle città e le ombre della “fuga nei borghi”. Le inchieste di FQ MillenniuM in edicola

next