Uccisa a 15 anni da una coetanea con le immagini dell’omicidio che finiscono sui social. È accaduto a Lake Charles in Louisiana. Come riportano i giornali locali quattro ragazze (una di 14 anni, due di 13 e una di 12) avrebbero inscenato una rissa in un cinema contro l’ignara 15enne e poi avrebbero concluso il loro assalto dentro ad una succursale di Walmart dove hanno accoltellato la povera vittima filmando oltretutto le varie fasi dell’assassinio. Le ragazze sono state tutte arrestate, mentre sarebbe una delle due 13enni ad essere accusata di omicidio e le altre di complicità.

Di questo episodio di violenza se ne parla molto sui giornali statunitensi soprattutto perché lo sceriffo della contea, Tony Mancuso, ha spiegato che video, foto e commenti sui social erano “inquietanti”. In pratica non ci sarebbe stato rimorso delle colpevoli anzi l’omicidio è stato esibito con tanto di follower plaudenti. “Non è un problema di background socio-culturale o razziale, chi commette questi reati tra minorenni proviene da ogni tipo di ambiente. Il problema, invece, è l’accesso dei ragazzini alle armi”. Mancuso ha continuato perplesso ricordando sempre nella sua contea gli omicidi compiuti la scorsa estate e lo scorso autunno di un 11enne (che ha ucciso un 39enne) e un 12enne che ha ucciso un suo coetaneo.

“Questa non è una questione di ordine pubblico e riguardante la polizia, questa è una questione che riguarda le famiglie. I genitori e i nonni devono imparare a capire cosa succede nelle vite dei loro figli e tener d’occhio cosa pubblicano sui social media. Lo sceriffo ha poi concluso ricordando che diversi tutori dell’ordine incontreranno i proprietari di diverse armerie della contea per invitarli a non vendere più armi ai minorenni, e che per i minori di 17 anni è da oggi in vigore un coprifuoco che va dalle 11 di sera alle 5 del mattino.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genitori uccidono le figlie per dimostrare che sarebbero resuscitate: “Allo scoccare della mezzanotte torneranno in vita”

next
Articolo Successivo

Arrestata la vincitrice di un noto programma di cucina: “Ha ucciso la figlia di 3 anni”. Food Network cancella gli episodi in cui era protagonista

next