Rocco Siffredi inarrestabile: anche a 56 anni continua a portare alta la bandiera italiana del cinema a luci rosse. L’attore e regista ha sbaragliato la concorrenza agli Avn Awards, i premi che sono considerati gli Oscar del Porno: si svolgono ogni anno – di solito a Las Vegas, quest’anno in streaming – per premiare i migliori dell’industria dell’intrattenimento per adulti.

A Rocco sono state assegnate ben due statuette, quella di “miglior interprete maschile straniero” e quella per la “miglior scena a due”, vinta assieme alla collega Jane Wilde per il lungometraggio “Rocco’s Back to America for More Adventures”. Grande sorpresa da parte di Siffredi, che sui social ha scritto: “Ho vinto ancora come miglior performer dell’anno, a quasi 57 anni. Vuol dire che non mi fermerò mai. Ma come fanno a farmi vincere? Ragazzi, è incredibile”. In 30 anni di carriera, l’attore ha conquistato più 40 statuette dagli Avn Awards: la prima risale al 1993, quando aveva 29 anni.

Il 2021, l’anno dei suoi 57 anni, per Siffredi è iniziato al top. Il 15 gennaio scorso aveva vinto un altro premio agli Xbiz Awards, sempre per il film che lo ha portato alla vittoria agli Oscar del Porno. La volontà di lasciare il mondo dell’hard sembra ormai un lontano ricordo. Più volte annunciato, l’addio è stato rimandato a data da destinarsi: “Resto in questo mondo, me ne torno a Budapest, produco, dirigo, la pagnotta è lì. Cerco di portare un po’ di buon passato in questa schifezza che è l’hard oggi”, aveva detto dopo aver partecipato a “L’Isola dei Famosi”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Song Yoo-Jung trovata morta. Cosa succede nel mondo dello spettacolo coreano, tra morti sospette e ipotesi di suicidio

next