Si chiamava Victoria Strauss, aveva 23 anni ed è morta a causa di una tragica fatalità. Siamo a Columbus. La ragazza, come racconta People, stava pagando il parcheggio seduta sulla sua auto, usando la classica macchinetta dove si infila la tessera e poi il denaro o la carta di credito prima di vedersi rilasciare il pass con apertura della sbarra. Solo che la carta di credito di Victoria è caduta e lei, invece che scendere dalla macchina, ha aperto la portiera e si è chinata per raccoglierla. A quel punto, inavvertitamente, ha schiacciato l’acceleratore così l’auto è andata in avanti incastrandole la testa tra la portiera e la macchinetta-casello di uscita. Le telecamere hanno ripreso il tutto. Secondo una prima ricostruzione, Victoria sarebbe morta sul colpo. Era una brillante studentessa all’Ohio State University.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Walter Zenga, il figlio Nicolò all’attacco: “Non è stato un papà. In 31 anni non ho mai instaurato un rapporto con lui”

next