“Basta assistenzialismo”. Michelle Hunziker prende posizione e, in un post pubblicato su Instagram, spiega il suo punto di vista molto critico sull’attuale crisi di governo che, secondo le, sta avendo ricadute sulla gestione dell’epidemia di coronavirus. “Mi preoccupa molto l’attuale situazione al governo – esordisce la showgirl svizzera -. Trasmettono l’instabilità più totale e creano ancora più incertezze in tutti noi, invece di unirsi nel pieno di una pandemia mondiale rendendosi conto che ora serve UNITÀ per creare opportunità e lavoro”.

Non abbiamo bisogno di assistenzialismo bensì di essere messi nelle condizioni di poter sperare in un futuro di rinascita e di crescita economica – incalza Michelle Hunziker -. Per fare questo, converrebbe dare a tutti la possibilità di continuare le proprie attività senza un ‘cappio’ al collo. Serve liquidità a sostegno delle aziende e dei liberi professionisti oltre ad investimenti per creare valore in futuro ma sopratutto non perderlo oggi perché significherebbe perderlo in maniera permanente. Voi che ne pensate?”

Neanche a dirlo, subito si è scatenata una valanga di commenti e non sono mancate le polemiche. Molti utenti l’hanno infatti accusata di parlare da una posizione privilegiata: “Non è questione di assistenzialismo, troppo facile a pancia piena giudicare tutti. Il lavoro per tutti non c’è, non dico di dare soldi a destra e a manca, ma neanche abbandonare a se stesse le persone”, si legge nei commenti al suo post. E ancora: “Vaglielo a dire a chi ha bisogno che non ha bisogno di assistenzialismo“. Lei, al momento, non è intervenuta per replicare.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Nudi (e sessualmente provocanti) su OnlyFans, la piattaforma per chi vuole farsi vedere a pagamento. Ecco quanto si può guadagnare

next