Il dottor Eric Burnett del Columbia University Irving Medical Center è diventato una vera e propria star su TikTok, oltre che un punto di riferimento per una corretta informazione sul Covid. L’uomo ha infatti iniziato a rispondere in video a tutti i messaggi che gli arrivano da parte di utenti complottisti, negazionisti della pandemia di coronavirus e no-vax. Le sue risposte sono inappuntabili, come quella che ha dato a una donna che gli diceva che essere un medico non lo rende un’autorità in materia di vaccinazioni più di chiunque altro, sostenendo quindi di saperne più di lui sul nuovo vaccino anti-Covid.

“Karen, mi dispiace dirtelo, ma è così. Ho passato gli ultimi dieci e più anni della mia vita a dedicarmi allo studio della medicina e della scienza. Sono stanco di fingere che l’opinione di tutti sul vaccino e sulla pandemia siano ugualmente valide perché non lo sono”, ha chiosato Eric Burnett sottolineando poi la differenza tra le opinioni formate su riviste mediche su cui si confrontano specialisti con quelle che circolano sui social media. “La tua opinione si basa su un meme di cospirazione QAnon condiviso dal tuo quarto cugino scientificamente analfabeta rimosso due volte che ti ha detto che il vaccino ti trasformerà in un panino con melanzane e parmigiano. La tua incapacità di imparare qualcosa di nuovo sul mondo che ti circonda non è un distintivo d’onore o qualcosa di cui essere orgoglioso. È imbarazzante“.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amsterdam pronta a vietare cannabis coffee shop ai turisti: “Devono venire qui per le bellezze artistiche, non per i bar”

next
Articolo Successivo

Il padrone è sul tetto dell’abitazione: il cane lo raggiunge arrampicandosi su una scala a pioli – Video

next