Entra in vigore oggi giovedì 7 gennaio il nuovo decreto del governo che regola le restrizioni anti-Covid fino al 15 gennaio. Nel fine settimana varranno le regole della zona arancione, ma oggi e domani 8 gennaio l’Italia torna in zona gialla, con la riapertura dei bar e dei ristoranti per la prima volta dopo la stretta decisa per le festività natalizie. Al contrario di quanto previsto prima di Natale, però, è una zona gialla “rafforzata“. Che cosa significa? Resta il divieto di spostamento tra le regioni (in vigore fino al 15 gennaio), fatti salvi i movimenti per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e motivi di salute (scarica qui l’autocertificazione). Oltre al divieto di uscire dalla propria regione, rimane il coprifuoco dalle 22 alle 5 e ovviamente l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto e al chiuso. Vietati gli assembramenti e le feste sia nei locali pubblici, sia nei luoghi privati.

Le regole – Oggi 7 gennaio sono aperti bar, ristoranti e altri locali fino alle ore 18. Resta il limite massimo delle 4 persone al tavolo, se non conviventi. Dopo le 18, rimane consentito l’asporto e la consegna a domicilio fino alle 22. Dopo la chiusura per l’Epifania, sono di nuovi aperti tutti i negozi e i centri commerciali, così come parrucchieri e centri estetici. Con la zona gialla torna anche la liberà di spostamento all’interno della propria regione, quindi anche al di fuori del proprio Comune. Ovviamente resta il limiti del coprifuoco: dopo le 22 e prime delle 5 serve sempre l’autocertificazione.

La scuola – Da oggi riparte anche la scuola in presenza, ma solo per gli alunni della materna, delle elementari e medie. In Campania, Puglia e Calabria invece si aspetta lunedì 11 gennaio anche per i più piccoli. Le scuole superiori invece ripartono con le lezioni a distanza: solo in Provincia di Bolzano si è deciso di confermare il rientro in aula ad oggi.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Moby Prince, identificate altre navi fantasma. Una è una chiatta: “Era in mare quella notte, potrebbe essersi scontrata col traghetto”

next