Donald Trump furibondo con la moglie Melania. I lavori in corso nella sua proprietà di Mar-a-Lago, in Florida, non sono di gradimento dell’ormai ex presidente: la ristrutturazione curata dalla First Lady Melania non va infatti proprio giù al tycoon, che non ha fatto nulla per nasconderlo, anzi. Secondo quanto riferiscono i media americani, al suo primo sopralluogo nella tenuta Trump è andato su tutte le furie e ha fatto rimuovere alcuni oggetti che non erano di suo gradimento. Non è la prima volta che Trump boccia una ristrutturazione di Melania. Infatti neanche i lavori fatti eseguire dalla First Lady a Camp David sono piaciuti al presidente.

Melania Trump sta seguendo da diverso tempo la ristrutturazione in corso dell’area che ospiterà la famiglia presidenziale una volta lasciata la Casa Bianca. Lo staff della residenza presidenziale ha già ricevuto una e-mail in vista del cambio della guardia e dell’insediamento del nuovo presidente degli Stati Uniti. Il 20 gennaio, infatti, solo il personale permanente della residenza dovrà presentarsi come da tradizione alle 4 del mattino, per ultimare i preparativi ed accogliere al termine della cerimonia dell’Inauguration Day la nuova coppia presidenziale, Joe e Jill Biden. “Iniziate a svuotare scrivanie ed armadi, pronti a lasciare a partire dal 4 gennaio“, si legge nella mail.

Non solo. Nella comunicazione inviata al personale si invita comunque a “ripulire i frigoriferi e i forni a microonde” messi a disposizione dello staff e a “riconsegnare la cancelleria e tutto il materiale da ufficio di cui si è in possesso entro il 28 dicembre”. E’ una seconda e-mail, però, a creare confusione, quella in cui si spiega che tutto lo staff verrà pagato fino al 19 gennaio, il giorno prima del giuramento di Biden. Una “correzione” sulla tempistica che riflette proprio la grande incertezza legata alle decisioni di Donald Trump.

Fonti ben informate già da qualche settimana raccontano che la first lady Melania sta già facendo valige e scatoloni, e che a West Palm Beach, in Florida, tutto è pronto per accogliere l’ex coppia presidenziale che lì ha spostato la residenza dall’ostile New York. I lavori nel lussuoso club di Mar-a-Lago per sistemare gli appartamenti di Trump sono quasi finiti. E lo stesso presidente uscente li sta supervisionando di persona durante il soggiorno di fine anno in quella che negli ultimi quattro anni è stata ribattezzata la Casa Bianca d’Inverno. Lì però The Donald starebbe anche progettando lo show finale, quello delle tre settimane che mancano al suo addio. Di certo c’è solo la data del 6 gennaio, quando Trump ha dato appuntamento a tutti i suoi sostenitori via Twitter, spiegando che lui quel giorno sarà di ritorno a Washington. Il giorno in cui il Congresso è chiamato alla conta ufficiale dei grandi elettori, che hanno dato la vittoria a Biden, e Trump medita l’ultima offensiva nel tentativo di ribaltare questo risultato.

Lo scenario più temuto però è quello che il presidente uscente non molli e resti barricato alla Casa Bianca fino all’ultimo. Mentre una delle ipotesi è quella di un’uscita di scena teatrale a bordo del Marine One, l’elicottero presidenziale, mentre Biden sta giurando. Anche se il vero piano per oscurare l’insediamento del nuovo presidente sarebbe quello di annunciare nel corso di un megacomizio in Florida la sua candidatura alle presidenziali del 2024.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elisabetta Gregoraci, il suo ex agente Francesco Soprani: “Sono stato uno dei suoi amanti, ecco i suoi segreti”

next
Articolo Successivo

Oroscopo 2021, le previsioni di Simon & The Stars e Rob Brezsny segno per segno

next