Sono quasi 400mila le piccole attività che non ce l’hanno fatta a reggere l’impatto della pandemia. A far fronte, nonostante gli aiuti, a un crollo dei consumi vicino all’11% che si sono tradotti in una sforbiciata agli incassi da 120 miliardi di euro. Nel 2020, stima Confcommercio, abbasseranno per sempre le serrande 390mila imprese del commercio non alimentare e dei servizi a fronte di 85mila nuove aperture. Alla fine il paese si troverà quindi con 305mila imprese in meno. Nell’80% la decisione di dire basta è direttamente legata al Covid.

Agenzie viaggio, bar e negozi di abbigliamento i più colpiti – La assottigliamento del tessuto produttivo risulta particolarmente accentuato tra i servizi di mercato, dove la attività in meno sono il 13,8% rispetto al 2019. Tra i settori più colpiti, nell’ambito del commercio ci sono abbigliamento e calzature (-17,1%), venditori ambulanti (-11,8%) e distributori di carburante (-10,1%). Nei servizi di mercato le maggiori perdite si registrano, invece, per agenzie di viaggio (-21,7%), bar e ristoranti (-14,4%) e trasporti (-14,2%). C’è poi tutta la filiera del tempo libero che, tra attività artistiche, sportive e di intrattenimento, fa registrare complessivamente un vero e proprio crollo con la sparizione di un’impresa su tre. Alla perdita di imprese – conclude la nota – va poi aggiunta anche quella relativa ai lavoratori autonomi, ovvero quei soggetti titolari di partita Iva operanti senza alcun tipo di organizzazione societaria. Si stima la chiusura per circa 200mila professionisti tra ordinistici e non ordinistici, operanti nelle attività professionali, scientifiche e tecniche, amministrazione e servizi, attività artistiche, di intrattenimento e divertimento e altro.

“Il 2020 si chiude con un bilancio drammatico per il nostro sistema produttivo colpito dal Covid. Quasi mezzo milione tra imprese e lavoratori autonomi potrebbero chiudere l’attività. Oltre all’indispensabile vaccino sanitario, c’è bisogno del vaccino economico, cioè indennizzi finalmente adeguati al crollo dei fatturati e l’utilizzo di tutte le risorse europee per rimettere in modo l’economia del nostro Paese”: così il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, commenta i dati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Recovery plan, 15 miliardi in più di fondi aggiuntivi. Su 196, sono 121 le risorse “nuove” rispetto a stanziamenti già in programma

next
Articolo Successivo

Si infiamma lo scontro tra le autorità di Pechino il colosso dell’e-commerce Alibaba. Titolo a picco in borsa, chiude a – 8%

next