Un lago di oltre 4mila metri quadrati con, in mezzo, un’isola artificiale di 122 metri quadrati. È questo il “progettino” che vorrebbero realizzare Victoria e David Beckham nel giardino di una delle loro ville nel Cotswolds, nella campagna inglese, e che sta scatenando le ire dei loro vicini di casa. Andiamo con ordine: l’ex Posh Spice e l’ex calciatore hanno presentato lo scorso agosto questo loro progetto per ampliare ulteriormente il lago artificiale di 3mila metri quadri già in costruzione nella loro tenuta, aggiungendoci anche un’isola artificiale.

Come riferisce il Daily Mail, Sue Jones, loro vicina di casa, non approva però la cosa e ha scritto una lettera per opporsi alla realizzazione di questo lago che sarebbe grande quanto la metà di un campo di calcio. “Il piano per ingrandire il lago potrebbe aumentare le possibilità di inondazioni nell’area“, scrive la donna, lamentandosi di essersi opposta già al primo progetto ma di essere stata ignorata.

Ma non solo: “Poi cosa succederà, vedremo motoscafi fare avanti e indietro dall’isola?”, si chiedono ironici gli altri vicini. Dal canto loro i Beckham sostengono che non c’è alcuna incoerenza tra il loro progetto e la natura circostante, e vorrebbero realizzare il tutto entro il prossimo febbraio: nei primi mesi del 2021 il consiglio distrettuale dell’Oxfordshire occidentale dovrebbe prendere una decisione. Non resta che stare a vedere chi l’avrà vinta.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Saldi invernali 2021, al via il 2 gennaio: il calendario regione per regione e le regole da seguire in tempo di Covid

next
Articolo Successivo

Carlo Conti e il nuovo Affari Tuoi (Viva gli Sposi): “Cambiano molte cose, e tra gli ospiti Nino Frassica e Diletta Leotta”

next