Iniziativa di solidarietà a Napoli a un imprenditore del rione Sanità, al quale, dopo essersi rifiutato di pagare il pizzo, è stato bruciato il bar. L’hanno promossa il consigliere regionale Borrelli, lo scrittore Maurizio de Giovanni e il noto pasticcere Poppella. L’hanno chiamata “un caffè per Eduardo” e ha riscosso l’adesione di decine di persone che questa mattina hanno voluto aiutare in questo modo il giovane imprenditore napoletano. “Noi siamo qui perché è necessario mettersi dalla giusta parte della barricata” ha commentato Maurizio De Giovanni. Eduardo ha raccontato che dopo aver denunciato si è ritrovato a fare i conti con l’omertà e i timori di un quartiere in cui si sente isolato

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In 25 (tra cui Albomonte e Poniz) lasciano Magistratura Democratica: “Luogo escludente che seppellisce nel silenzio il dissenso interno”

next
Articolo Successivo

Maltrattamenti sugli anziani e violate le norme anti Covid, sequestrata una casa di riposo: tre arresti

next