Ma ve li ricordate i tempi in cui in questo periodo il Chievo scendeva in campo con i panettoni? Eravamo felici e non lo sapevamo. Quello sì che era il vero clima di Natale. In ogni caso, procediamo pure con l’ultima settimana prima delle Feste, che poi ci fermiamo e tutti a fare il cenone con il proprio cane perché non si può uscire e stare insieme.

Lunedì è il giorno dei sorteggi. La Juve pesca il Porto, e i ricordi riaffiorano.

Chissà se Bonucci ri-lascerà la Juventus, ri-andrà al Milan per poi ri-ritornare alla Juve.

Martedì si sfidano per la prima volta gli Inzaghi brothers, che non è una band musicale del 2007, ma i due fratelli Inzaghi, Pippo e Simone, che si affrontano in Benevento-Lazio.


La faccia di Pippo è tutto un programma.

Mercoledì tocca prima alla Juventus, che non va oltre il pareggio contro Gollini. Il portiere para di tutto: rigore di Sium, tiri degli attaccanti bianconeri, il Covid, un pezzo dello shuttle caduto a 500milioni di chilometri orari. Poi il Milan riesce nella miracolosa impresa di far segnare 2 gol a Destro. Se solo ci fosse riuscito quando Destro giocava al Milan.

Nella stessa serata il PSG passeggia come al solito ma è Kylian Mbappé a dare spettacolo (osceno fra l’altro): capelli blu effetto Bulma e pantalone alla Fantozzi.

Giovedì altro traguardo del calcio femminile. La Bonansea diventa l’unica italiana ad entrare nella Top 11 FIFA delle calciatrici. Innanzitutto bisogna fare i complimenti alle ragazze.

Venerdì ci pensa invece Moukoko a darci la solita carica d’autostima: ad appena 16 anni diventa il più giovane marcatore della storia della Bundesliga. Io a 16 anni facevo il mercato estivo nella carriera di Fifa, simulavo la prima partita di campionato, la perdevo e ne ricominciavo un’altra.

Sabato torna il campionato e torna il Sium. CR7 vola in alto e Pirlo reagisce così dopo il gol:

Stava aspettando che Cristiano Ronaldo scendesse col paracadute.

Domenica è il Milan ad entrare nei record, o meglio, Leao. No, nessun record per il taglio più tamarro, ma per il gol più veloce: solo 6 secondi per andare in rete, neanche nel più riuscito dei kick-off glitch.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dieci anni fa l’addio a Enzo Bearzot, il ct del Mundial che si commosse al ritorno nel paese natale (e aspetta un campetto col suo nome)

next