Questa non è una fuga, torniamo a casa per salutare i nostri familiari in sicurezza”. Benedetta è in attesa del suo treno per Lucca alla stazione Centrale di Milano nell’ultimo weekend prima della chiusura dei confini regionali previsto per il 21 dicembre. Quando arriverà a casa si isolerà e prima di Natale farà un tampone per passare le feste con la famiglia con maggiore tranquillità. La fila alle sue spalle scorre ordinata. Non ci sono code, ma un flusso di costante di persone pronta a raggiungere i propri cari in tutto il paese. “Ho pagato il biglietto 180 euro, c’è stato un incremento” racconta Raffaele mentre aspetta il treno per Napoli. Stessa destinazione di Cinzia. Per lei sarà un “Natale molto semplice, con genitori, sorella e basta”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili