Domenico Guzzini, presidente di Confindustria Macerata, ha deciso di dimettersi dopo la frase choc sui morti per Covid. È stato lui stesso ad annunciarlo agli iscritti, spiegando che formalizzerà il passo indietro durante il Consiglio direttivo in programma giovedì pomeriggio. Intervenendo al forum Made For Italy, lunedì sera, Guzzini aveva detto: “Le persone sono stanche e vorrebbero venirne fuori, anche se qualcuno morirà pazienza”. Dopo il divampare delle polemiche, si era scusato. Cosa che torna a fare nella lettera inviata agli associati maceratesi con la quale annuncia la volontà di dimettersi, pur sottolineando che si è trattato di una “frase infelice”.

“Ti scrivo personalmente – si legge nel testo pubblicato dai siti locali – per chiederti scusa per la frase”. Durante la conferenza- continua Guzzini – “mentre parlavo di crisi aziendale e di occupazione, preso da quanto stavo dicendo ho detto quella frase infelice, che non rappresenta per nulla il mio pensiero”. “Ho sbagliato e mi dispiace tantissimo avere, anche se involontariamente, coinvolto Confindustria in questa spiacevole vicenda. Chi ha avuto modo di conoscermi sa quanto per me siano importanti e prioritari la salute, la famiglia e le persone”. Guzzini sostiene di aver di aver “lavorato incessantemente per mettere in sicurezza le persone, anteponendo sempre la salute al business”.

Il periodo di emergenza, continua, “porta noi imprenditori sotto stress e le nostre preoccupazioni quotidiane sono legate non solo alle nostre attività ma anche e soprattutto ai nostri dipendenti, facendo di tutto per tenere in piede le aziende senza abbassare la guardia”. “Riascoltandomi – dice ancora – ho subito realizzato la gravità di quanto espresso e le mie scuse sono state tempestive e dettate da una profonda umiltà e senso civico e spero che una frase infelice decontestualizzata non oscuri quello che fino ad oggi è stato il mio operato”. Quindi l’annuncio: “Per senso di responsabilità, dopo una breve riflessione, ritengo doveroso rassegnare le mie dimissioni”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, 17.572 nuovi casi e 680 morti. Da lunedì a oggi più contagi degli stessi giorni della scorsa settimana (con più tamponi)

next