“Dal governo abbiamo ottenuto 1.200 euro da marzo a oggi, il ristori richiesto a novembre ancora non si è visto”. Gianfranco Vissani è molto arrabbiato, per usare un eufemismo. E con l’Ansa sfoga tutto il suo malcontento: “Vogliono richiudere i ristoranti per le feste di Natale? Nessun problema, ma prima di deciderlo il Governo ci invii i soldi per salvare le nostre aziende, pagare i dipendenti e i fornitori”, dice il proprietario dello stellato Casa Vissani, che si trova vicino a Orvieto e che oggi è passato in gestione al figlio Luca. Uno dei ristoranti che ha riaperto? Sì. “Abbiamo deciso di riaprire da quando l’Umbria è tornata in fascia gialla nella lotta al Covid, ma l’abbiamo fatto solo per necessità, nella speranza di racimolare qualcosa per pagare i nostri dipendenti”. Insomma, una situazione critica, comune a molti ristoratori. Nel caso di Vissani è stato “necessario ricorrere alla cassa integrazione” ma per il futuro lo chef chiede una “maggiore coesione” nell’ambiente e anzi, Luca Vissani lancia un appello: “Questo sarebbe il momento di dare vita a una grande manifestazione di protesta. Per Natale e Capodanno tutti i ristoranti d’Italia dovrebbero decidere di restare aperti”. Anche perché il problema posto è, di nuovo, quello di tanti che gestiscono attività legate alla ristorazione: “Cosa potremo fare tra il 24 dicembre e il 6 gennaio, dobbiamo ordinare la merce, organizzare il lavoro con i collaboratori. Quando pensano di dirci cosa possiamo o non possiamo fare?“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Parte la campagna vaginale”: il video della gaffe della giornalista diventa virale

next