Torno a parlare della vicenda dei quattro giornalisti yemeniti condannati a morte ad aprile da un tribunale della capitale Sana’a, sotto il controllo del gruppo armato huthi. Tawfiq al-Mansouri, Akram al Walidi, Abdelkhaleq Amran e Hareth Hamid sono stati giudicati colpevoli, sulla base di accuse costruite e al termine di un processo iniquo, di “spionaggio per conto dell’Arabia Saudita”.

Insieme ad altri sei colleghi successivamente rilasciati, i quattro giornalisti sono rimasti in detenzione senza accuse né processo per circa cinque anni, durante i quali sono stati vittime di sparizione forzata e tenuti saltuariamente in incommunicado e in isolamento e senza alcuna possibilità di accesso all’assistenza medica. Almeno tre di essi sono stati sottoposti a tortura.

I quattro giornalisti soffrono di varie patologie, tra cui problemi gastrici e intestinali, emorroidi e altre malattie che non sono state diagnosticate o curate in maniera appropriata. Tawfiq al-Mansouri, in particolare, soffre di malattie croniche tra cui diabete, problemi cardiaci, insufficienza renale, infiammazione della prostata e asma. A ottobre ha contratto il Covid-19 e ciò nonostante resta in carcere, senza ricevere cure mediche.

Amnesty International ha ampiamente documentato come gli huthi utilizzino il sistema giudiziario per reprimere la libertà di espressione, associazione e religione attraverso condanne durissime, ricorrendo anche alla pena di morte. L’organizzazione per i diritti umani continua a sollecitare gli huthi a rilasciare i quattro giornalisti e ad assicurare cure mediche immediate ad al-Mansouri.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, i camion con i vaccini lasciano la Pfizer. Milioni di dosi spedite negli Usa: prima a operatori sanitari e residenze per anziani

next
Articolo Successivo

Usa, è il giorno del voto per i Grandi elettori. Ma Trump non si arrende: “La battaglia non è finita”

next