Non è Natale a Milano senza un buon panettone e, per donarne uno a chi non può comprarlo, anche quest’anno torna il ‘panettone sospeso’. Dal giorno di Sant’Ambrogio (7 dicembre) fino al 22 dicembre, in quindici pasticcerie della città si potrà lasciare un panettone già pagato che poi sarà donato a Casa Jannacci e alla rete di solidarietà Milano Aiuta. Chi non è a Milano, o chi non può recarsi personalmente a comprare il panettone, può contribuire a distanza con una donazione sul sito panettonesospeso.org: il denaro raccolto verrà poi usato per comprare altri panettoni. “Speriamo di raccoglierne tanti e aiutare chi è in difficoltà a sentirsi meno solo: il panettone, emblema del Natale e della condivisione, può diventare una piccola carezza per colmare, in parte, un grande bisogno”, racconta Gloria Ceresa, ideatrice e fondatrice dell’Associazione ‘Panettone Sospeso’ insieme a Stefano Citterio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ostia, la furia del vento spazza via le cabine che finiscono in strada: il video

next
Articolo Successivo

Concilio Vaticano II, cinquantacinque anni dall’incontro che cambiò la Chiesa

next