Dopo lo sgombero del Nuovo Cinema Palazzo, lo spazio sociale nel quartiere San Lorenzo, chiuso dalla polizia lo scorso 25 novembre, si riaccende la paura nelle occupazioni abitative della capitale. A essere maggiormente a rischio sono le persone che vivono in quegli stabili, circa una ventina, presenti nella lista stilata l’anno scorso dal Viminale e portata avanti dall’attuale prefetto di Roma, Matteo Piantedosi, che in un’intervista recente ha dichiarato: “Il Covid non fermerà gli sgomberi, perché la proprietà privata è sacra”. In cima all’elenco ci sono i due palazzi in viale del Caravaggio, di proprietà della famiglia Armellini, occupati sette anni fa, in cui vivono circa 400 persone, tra cui 70 bambini e per il cui mancato sgombero il Tribunale di Roma ha condannato il Viminale a risarcire la proprietà.

“L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo è un motivo in più per temere questo momento – ha dichiarato Anna Sabatini, occupante di Caravaggio – non crediamo alle soluzioni alternative messe in campo, perché si parla sempre di centri di accoglienza per un po’ di persone e agli altri non rimane che la strada”. Secondo i medici dell’unità mobile di Intersos, che svolgono visite a domicilio in alcune occupazioni della città, gli sgomberi sarebbero una scelta gravissima: “Mettere ora le persone per strada senza dar loro la possibilità di accedere ai servizi igienici, porterebbe a un rischio maggiore di patologie infettive – fa sapere Antonella Torchiaro, coordinatrice e medico dell’ong – disgregare una comunità che si auto-aiuta in un periodo come questo, non sarebbe una mossa vincente, né dal punto di vista di sanità pubblica, né da un punto di vista di salute individuale”. A denunciare i danni provocati dagli sgomberi è anche Cristiano Armati dei Movimenti per il Diritto all’Abitare: “Non hanno mai ridato niente alla città, una volta mandate via le persone, i palazzi sono sempre rimasti vuoti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ru486, campagna choc di Pro Vita e Famiglia: “Prenderesti mai del veleno? Stop alla pillola abortiva, mette a rischio la salute”

next
Articolo Successivo

Disturbi alimentari, con la pandemia più 30% di casi. Dalle relazioni difficili alle privazioni: i nuovi traumi. Come chiedere aiuto e dove mancano i centri

next