Spid, app Io, bancomat e carte di credito. E via all’operazione cashback, ovvero la ‘restituzione’ del 10% delle spese fatte direttamente sul conto corrente indicato fino a un tetto massimo di 150 euro. Più premi e superpremi una tantum per chi effettua un grande numero di transazioni nei negozi fisici. È stata rilasciata dagli app store la versione aggiornata della app Io, con l’implementazione del nuovo servizio ‘Cashback’. Il programma di rimborsi sui pagamenti con carte, bancomat e app per i pagamenti elettronici partirà poi dagli acquisti di martedì 8 dicembre, in via sperimentale per le spese natalizie e poi su base semestrale. Sarà comunque possibile iscriversi al Cashback in qualsiasi momento: il piano del governo per incentivare l’uso delle carte come metodo di pagamento entrerà a pieno regime a gennaio, con due rimborsi l’anno da 150 euro, ogni 6 mesi, e due ‘supercashback‘, cioè due rimborsi da 1.500 euro per i primi 100mila cittadini che faranno più transazioni. In un anno quindi il massimo della restituzione per chi effettua più operazioni può arrivare a 3.300 euro.

Come iscriversi
Per poter usufruire del cashback è necessario possedere un’identità digitale, lo Spid. Può essere richiesta a diversi provider – Aruba, Tim, Infocert e altri – compreso Poste Italiane, con una registrazione on-line e una validazione dei documenti d’identità direttamente allo sportello, dove resta comunque possibile effettuare tutto l’iter. Il passo successivo è l’iscrizione sulla app Io: bisogna identificarsi con il proprio Spid e poi inserire nella applicazione le carte di credito e i bancomat con i quali si effettuano i pagamenti. Una volta registrate le carte sulla app si dovrà cliccare sul pulsante ‘Attiva il cashback‘, comparso con l’ultimo aggiornamento della app che rende operativo il servizio nella sezione ‘Portafoglio‘, e registrare il proprio Iban sul quale ricevere l’accredito.

Senza Spid
Anche gli operatori stanno rendendo disponibili sistemi per registrarsi al programma senza necessariamente avere Spid e la App io. E’ il caso di chi utilizza Hype e Satispay o di chi ha carte del circuito Nexi. Ma altri dovrebbero attivare il servizio nelle prossime settimane. Quasi tutti gli operatori hanno aderito al progetto, in ogni caso è bene controllare che la propria carta o app di pagamento sia tra quelle convenzionate.

Come funziona
Per partecipare bisognerà effettuare un minimo di operazioni con pagamenti elettronici in negozi fisici (le spese online non verranno conteggiate). Per il cashback di dicembre è necessario un minimo di 10 spese, 50 invece nel primo semestre 2021 e nei successivi. In ogni finestra è fissato un massimo di rimborso di 150 euro. Per ottenere i 150 euro sarà quindi necessario spendere 1.500 euro. Non importa il ‘valore’ dell’operazione, basterà anche un caffè e varrà anche con idraulici, meccanici, elettricisti. Il cashback del 10% si fermerà però a 15 euro per ogni acquisto e a 150 euro in totale nel periodo interessato. In pratica se si spendono 250 euro si avranno indietro sempre solo 15 euro. E una volta arrivati al montante di 150 euro i rimborsi non crescono più.

La posizione in classifica
Una volta registrati e indicati i metodi di pagamento con cui si vuole partecipare ci si potrà quindi presentare al bar, al ristorante, nei negozi, al supermercato e pagare con le carte o le app come si fa abitualmente. Sono inclusi anche i servizi di artigiani e professionisti e non ci sono limiti merceologici (valgono anche gli acquisti in farmacia, per esempio). Sono esclusi invece gli acquisti online. Il sistema registrerà i pagamenti che saranno visibili dopo qualche giorno sulla app, che mostrerà lo storico e i dettagli dei pagamenti ma anche la ‘posizione in classifica’ basata sul numero di transazioni che danno diritto al supercashback. Ognuno saprà quindi in tempo reale quante transazioni mancano per entrare in graduatoria o quante ne servono per scalare la classifica.

Quando arriva il rimborso e il superpremio
I primi rimborsi delle spese dicembre verranno accreditati direttamente in conto corrente a febbraio. La restituzione per il semestre del 2021 è prevista a luglio, mentre l’accredito del secondo semestre è previsto a febbraio 2022. Nei due semestri del 2021 i 100mila cittadini registrati che faranno più operazioni ci sarà una sorta di ‘superpremio’, un super-rimborso da 1.500 euro. In totale, quindi, un cittadino che ottiene 150 euro di rimborso in ogni semestre e, contestualmente, dovesse risultare nella classifica dei 100mila maggiori utilizzatori di bancomat sia nel periodo gennaio-giugno che luglio-dicembre riceverebbe 3.300 euro di rimborsi per le spese effettuate con bancomat nei negozi fisici durante il 2021.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migliorano le stime sul Pil italiano ma la disoccupazione salirà all’11%. Ocse: “Per la prima volta siamo fiduciosi”

next
Articolo Successivo

Cashback, PagoPa: “Già un milione di utenti pronti ad attivarlo”. Lunedì 6mila accessi al secondo: “Possibili rallentamenti”

next