Il suo selfie, a marzo, con i lividi della mascherina a fine-turno, in un reparto Covid di Milano, è una delle immagini simbolo della prima ondata dell’epidemia. Secondo l’infermiera Alessia Bonari, adesso ci vorrebbe un’altra immagine così per far capire che la lotta non è finita. “Ci vorrebbe un’immagine molto simile a quella che ho postato io a marzo. In questo momento non sono più impegnata in prima linea in un reparto Covid, ma un’immagine di tutti i miei colleghi che stanno facendo molti sacrifici per contribuire a sconfiggere il virus”, racconta Alessia alla consegna del premio ANGI Innovation Leader Award. L’infermiera ventiquattrenne sottolinea l’importanza della comunicazione, anche sui social network, per contrastare l’epidemia: “Sono stati fondamentali – dice – perché sono il canale che viene maggiormente utilizzato dai giovani e i giovani che parlano con i giovani sicuramente hanno fatto sì che ci fosse una forte sensibilizzazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cinema Palazzo poteva essere uno spazio di dialogo per Virginia Raggi. Ma l’ha sprecato

next
Articolo Successivo

Covid, Brusaferro (Iss): “Terza ondata? Non è scritto nelle stelle. Dipende da come ci comporteremo, non ci sono scorciatoie”

next