Heather Parisi e Diego Armando Maradona amanti? È la stessa showgirl a rompere il silenzio (finora non aveva infatti commentato la morte del Pibe de Oro, ndr) e chiarire la questione una volta per tutte. A scatenare la sua reazione è stato il commento che un utente ha lasciato sul profilo Instagram di suo figlio di 10 anni. “Sarà triste la tua mamma. È morto il suo amante di gioventù Diego Armando Maradona… dille che è inutile bloccare le persone quando dicono la verità… baci… se cerchi su internet trovi le foto del loro flirt… peccato che lui fosse sposato però…”, è il commento in questione, che Heather Parisi ha deciso di ripubblicare, spiegando che suo figlio gli ha fatto domande in merito.

“Mio figlio Dylan Maria, di dieci anni, dopo aver letto sul suo profilo Instagram il commento di tale…. è venuto da me e mi ha chiesto: ‘Mommy, how can you understand when people are telling the truth? (Mamma, come puoi riconoscere quando la gente dice la verità?) ‘- esordisce in un post -. Ed io: ‘Sweetie Pie, io diffido da chi si vanta di dire la verità perché è la scusa che gli ignoranti usano per mancanza di immaginazione. La verità, quando esiste una verità, non va mai enunciata, ma va sempre dimostrata. Ma della verità non possiamo mai avere certezza, nemmeno quando la raccontiamo avendola vissuta. La verità è come una coperta che ti lascia scoperti i piedi! Tu la spingi, la tiri per coprirli e lei ti scopre il viso. Non basta mai e alla fine ti tocca decidere cosa sia!’ Ciascuno di noi – continua il post – dovrebbe ricordare che quando interagisce con un bambino è come se scrivesse su un pezzo di carta. C’è chi arricchisce quel “pezzo di carta” con sentimenti positivi e di amore e chi lo imbratta con la peggior perfidia. Credo che non vi siano dubbi a chi tra i due appartiene'”, conclude Heather Parisi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Melania Trump, gli audio rubati alla Casa Bianca: “Ma vadano a fan***o le decorazioni di Natale. Chi se ne frega!”

next