Olindo e Rosa? Colpevoli. La Franzoni? Ha l’ergastolo dentro. Amanda Knox? Sono d’accordo sulla sua assoluzione. In una lunga intervista a Libero, Franca Leosini torna su alcuni tra gli omicidi tragicamente celebri della cronaca nera italiana recente. La coppia Olindo e Rosa, autrice della strage di Erba del 2006 (4 morti e un ferito) viene giudicata “colpevole” dall’autrice di Storie Maledette. “Trovo inaccettabile che qualcuno continui a gettare manate di fango sulla famiglia delle vittime ipotizzando assurdamente che, per questioni economiche, siano altri gli autori della strage”, ha spiegato Leosini che ha poi definito Annamaria Franzoni una “donna malata, non una mente criminale (..) che ha vissuto un tragico momento di smarrimento e per questo avrebbero dovuto solo ricoverarla in un istituto di cura”.

La Franzoni, secondo Leosini, “ha l’ergastolo dentro”. Su Amanda Knox la conduttrice tv è lapidaria: “Sono d’ accordo sull’ assoluzione: non c’ erano prove per condannarla. E nemmeno la certezza della sua eventuale responsabilità. Si condanna al di là di ogni ragionevole dubbio”. Infine, c’è una parola buona anche per Sabrina Misseri e Cosima Serrano, le assassine di Sarah Scazzi: “Le ho intervistate. Sono convinta che non volessero uccidere Sarah. Nei fatti, è stato un delitto preterintenzionale. Che meritava certo una sanzione grave, ma non l’ ergastolo. Una sentenza discutibile perché il carcere a vita è condanna che prevede la premeditazione e il vilipendio del corpo: aggravanti che di sicuro mancano in questo caso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili