La “regina” sta per tornare al “Grande Fratello Vip”. Stiamo parlando di Cristiano Malgioglio, chi se non lui, il concorrente più amato di tutte le edizioni “vip” del reality di Canale 5. Dopo una diatriba di tamponi e una quarantena in un hotel porte di Roma (dove è “scortato” da quattro guardie del corpo che si alternano ogni otto ore davanti alla sua stanza), lunedì 30 novembre tornerà nella Casa di Cinecittà come concorrente. “Questo è il ritorno di un uomo e un artista pazzo” confida il paroliere a FqMagazine. “Questo Covid mi stava facendo perdere tutta la gioia. Ero spaventatissimo. Quando ho ricevuto l’invito da parte della produzione del programma c’ho dovuto pensare per un mese. Ne ho anche parlato con il mio neurologo, lui mi ha convinto ad accettare per proteggermi”.

Mi scusi, perché un neurologo?
“Questo maledetto virus mi aveva spaventato a tal punto da aver avuto bisogno di un supporto, come tante altre persone che magari non lo dicono per vergogna. Ecco, lui mi ha consigliato di accettare. Piuttosto che stare chiuso in casa mia da solo, preferisco stare in compagnia di qualcuno. Mi mancano gli abbracci, mi manca mangiare in compagnia di qualcuno. Se non ci fosse stato questo virus, stia tranquillo che il Grande Fratello lo avrei guardato da casa”.

Non le pesa il fatto di dover trascorrere le festività in quella Casa sotto le telecamere?
“Non ho mai amato il Natale, non lo festeggio da 26 anni. Ogni anno, a dicembre, vado all’estero per un mese. E poi, lo dico solo a lei: l’ultimo dell’anno farò ballare tutti i concorrenti con mio concerto”.

Anche lei ha sofferto la mancanza di lavoro in questi mesi?
“Chi più, chi meno, ne hanno risentito tutti. Io per fortuna non ho mogli, amanti o figli da mantenere. Se avesse avuto qualcuno da mantenere mi sarei fatto in quattro per portare il pane a casa. Il mondo dello spettacolo è stato uno dei più colpiti in assoluto, è danno enorme anche per tutti quelli che lavorano dietro le quinte”

Lei ha sempre detto che il GF l’ha fatta rinascere. Lo pensa davvero?
“Sono l’amante migliore di questo programma. Quando ho fatto il concorrente è stato un successo immenso, che non mi aspettavo affatto. Inoltre ho fatto per due volte l’opinionista: con Alessia Marcuzzi nel 2015 e con Barbara d’Urso nel 2018 e 2019”.

Da opinionista a concorrente: non rischia di passare per una retrocessione? Qualche hater lo dirà.
“Io ho il coraggio che altri non hanno. Molti scriveranno delle cattiverie, lo so: forse vorrebbero stare al mio posto. Il problema è che io, seduto sulla poltrona dell’opinionista o dentro la Casa, sono sempre protagonista. Come diceva Celia Cruz, “La Vida Es Un Carnaval”: quando passa un treno, bisogna salirci. Mi criticassero pure, tanto il giorno dopo si sono già dimenticati”.

Così diventerà anche lei un “vippone”.
“Nooo, per carità. Lo dirò subito a Signorini: guai a chiamarmi “vippone”. Non vado in una Casa assieme a Carolina di Monaco o Ornella Muti. Tre quarti dei concorrenti nemmeno li conosco, non so che lavoro facciano, non conosco i loro nomi. Certo, troverò qualche vip come Elisabetta Gregoraci, Stefania Orlando, Maria Teresa Ruta. So che gli altri hanno fatto qualche fiction, qualche sfilate, ma non saprei dirle i nomi. A questo punto voglio un Oscar da parte degli altri concorrenti per il coraggio che ho di stare con loro (scherza, ndr)”.

Alcuni concorrenti sono stati definiti “comodini”. A lei chi piace?
“Voglio conoscerli e parlare con loro prima di dare dei giudizi. Voglio smuoverli perché, altro che comodini, alcuni sembrano dei lampadari. Bisogna accenderli perché alcuni di loro sono spenti. Molti stanno aspettando il mio incontro con Tommaso Zorzi: ci eravamo conosciuti qualche tempo fa, credo che abiti vicino a casa mia. Magari insieme daremo una botta di allegria. Mi piacerebbe portare un po’ di leggerezza: ne abbiamo tutti bisogno!”.

Le piacerebbe se Mediaset le proponesse un programma tutto suo al posto dei ruoli nei reality?
“Ho avuto molte proposte in questi anni. Mi piacerebbe occuparmi di musica, quello sì. Mi piacerebbe fare “Amici” con Maria De Filippi. Perché non mi ha chiamato? Fate questa domanda a lei (sorride, ndr). Mi mancano i programmi di Piero Chiambretti: non mi ha chiamato a “Tiki Taka” perché non avrebbe avuto senso la mia presenza, io di palle non me ne intendo. Lo ringrazierò per sempre perché mi ha permesso di cantare in televisione le canzoni più belle di sempre, non avrei potuto farlo altrove”.

Quando ha partecipato al “Gf” nel 2017 ha lanciato “Mi sono innamorato di tuo marito”. Stavolta ci farà sentire qualcosa di nuovo?
“Mi sono innamorato di tuo marito è stata un successo grandissimo, devo dire grazie a Lorenzo Suraci (patron di Rtl 102.5, ndr) che ha creduto in questo prodotto. Dopodiché ho lanciato Danzando e DolceAmaro, grazie a Barbara d’Urso, che sono stati altri due grandi successi. Se tutto va bene, in primavera uscirà la mia nuova canzone. Ci ho lavorato con lo stesso team che lavora con Marc Anthony, l’ex marito di Jennifer Lopez. Avrei dovuto girare il videoclip a Cuba ma non è stato possibile a causa di questo Covid…”.

E dopo il “Gf”? Cos’altro farà?
“C’è un altro progetto musicale: canterò delle canzoni delle mie icone preferite come Gloria Estefan, Maria Bethânia, Alcione, le cantanti che io amo. Vorrei che Arisa cantasse un brano con me: è una delle voci italiane più belle”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Franca Leosini: “La Franzoni? Ha l’ergastolo dentro. Amanda Knox? Sono d’accordo sulla sua assoluzione”

next
Articolo Successivo

Paolo Brosio sbotta: “La messa di Natale alle 22? La Cei prona al governo, rinnega i valori cristiani. Ora i virologi dicono anche quando pregare?”

next