Trentasei miliardi cash, cinquecento in totale. No, non sono i soldi del Recovery fund. Volendo giocare con le parole si potrebbe parlare di un Recovery clan. Sono cifre a nove zeri quelli che secondo la Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria riusciva a spostare Roberto Recordare, un imprenditore di Palmi che per gli inquirenti era la mente economica-finanziaria di ‘ndrangheta, camorra e mafia. Considerato un colletto bianco al servizio del clan, un “soggetto riservato della ‘ndrangheta“, l’imprenditore è indagato per il riciclaggio di 36 miliardi di euro. Di lui si parla in un’informativa della Squadra mobile calabrese, depositata agli atti del processo “Eyphemos” contro le cosche di Sant’Eufemia d’Aspromonte. A riportare il contenuto dell’informativa è il quotidiano Domani e il Corriere della Calabria.

Secondo gli inquirenti Recordare gestiva un fondo da 500 miliardi di euro: praticamente dieci leggi di bilancio. Di questi “36 miliardi che erano già pronti, cash“, come è riportato in una delle intercettazioni agli atti dell’inchiesta. Non è l’unico dialogo inquietante carpito all’imprenditore. “Questi non si spaventano di niente se ogni tanto ne vede saltare qualcuno in aria, questa non faceva niente“, dice a un certo punto intercettato. E quando dice “questa” si riferisce al sostituto procuratore della Dda reggina Giulia Pantano, titolare dell’inchiesta Alchemia, di cui Recordare stava parlando con un suo sodale. Che gli risponde: “Come facevano in Sicilia“. Recordare commenta anche l’omicidio di Daphne Caruana Galizia, assassinata pochi giorni prima: “Stavano ancora raccogliendo i cocci di quella a Malta“. Sull’isola al centro del Mediterraneo il riciclatore della ‘ndrangheta spiega di avere molti interessi: una presenza documentata dai Paradise papers, la più grossa fuga di notizie sui miliardi off shore dai tempi dei Panama papers.

Recordare racconta anche di una perquisizione cui è stato sottoposto dalla Guardia di finanza all’aeroporto di Fiumicino. “Erano più meno erano cento miliardi, qualcosa del genere. Ho preso quella busta e l’ho buttata nella spazzatura. Avevo il bond da 36 miliardi“. Prima di essere sottoposto a controllo, l’imprenditore sostiene di essere riuscito a buttare un “bustone di bond e procure“. Scrive la Squadra mobile reggina nell’informativa: “Si ritiene che si trattasse, in qualche modo, di capitali riciclati nel tempo, presumibilmente provento di traffici illeciti quali il traffico di armi e stupefacenti, senza escludere i proventi di estorsioni, usura e altre condotte delittuose” da far circolare “senza che transitassero in Europa e, soprattutto, in Italia”. L’uomo, in pratica, “stava cercando di spostare in paesi extraeuropei e che non subissero l’influenza degli americani, un’ingentissima somma di denaro che era depositata in diversi istituti bancari di vari paesi, anche europei, ma soprattutto in paesi da black list che, comunque, non potevano risultare, ad eventuali controlli, giacché nascosti su conti speciali. Per quanto emerso in numerose conversazioni intercettate gli indagati hanno parlato di una somma che superava i 136 miliardi di euro“. Soldi che ‘ndrangheta, Cosa nostra e camorra avevano accumulato dagli anni ottanta. E ancora, secondo gli investigatori, l’imprenditore “aveva la necessità di renderli disponibili ai suoi sodali con operazioni bancarie che dovevano sparire una volta effettuato il trasferimento del denaro”. I soldi sarebbero finiti in carte di credito e di debito, intestate a soggetti arabi o dell’Est Europa ma in mano a Recordare e ai suoi sodali. Il denaro veniva scaricato con la procedura “off line“. Sul computer dell’imprenditore, la squadra mobile è riuscita a trovare gli estremi e la foto di una carta di credito, intestata a un lituano, con un saldo di 2 miliardi di euro.

Il conto madre, per quanto emerso, “si trova presso la Banca nazionale di Danimarca“, scrivono gli investigatori. Ma gli affari di Recordare si muovono in mezzo mondo. “Durante il periodo di indagine ha effettuato diversi viaggi, in vari Paesi del mondo al fine di contattare faccendieri e funzionari bancari corrotti per portare a termine il trasferimento di una ingente somma di denaro e renderla fruibile per i vari soggetti sopra indicati”, annotano gli investigatori. “Abbiamo dovuto interessare il governo della Malesia e la Banca Centrale“, spiega l’imprenditore al telefono, consapevole che il “gioco” è grande e pericoloso. “Ci sono tre servizi segreti che ti stanno addosso”, dice a un certo punto. Poi spiega perché i soldi che sposta non devono rientrare in Europa: “Aggiungeva che si trattava di somme non ‘giustificate‘, ossia la cui provenienza non era stata tracciata, motivo per cui le operazioni finanziarie poste in essere sarebbero state subito sottoposte ad un controllo da parte delle Autorità preposte”. Soldi che vengono spostati utilizzando le “chiavi” di tale Dimitri, cioè i codici intestati a un tale Dimitri Verchtl, nato a Ivànovski (Russia) e deceduto ad Oslo in data nel 1987: come fanno i morti a muovere soldi? Semplicemente Verchtl è una delle identità di Recordare. Il calabrese ha anche un passaporto afgano “chiaramente falso, intestato a tale Ahmad Khan, cittadino del Nuristan”. Gli investigatori intercettano anche Recordare che progetta la sua fuga. Il 23 ottobre 2017 dice ad alcuni suoi contatti: “Io una volta che facciamo questa operazione… io devo trovare come cazzo sparire per un po’ di tempo“. Tre settimane prima diceva alla sua segretaria “che tra tre anni sarebbe sparito dalla circolazione andando a vivere in Nicaragua. Nel Sud America o Centro America… America del Nord“.

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia, il pentito: “Il generale morto in un incidente d’auto? In realtà fu ucciso. Indagava su rapporti opachi tra carabinieri e politici”

next
Articolo Successivo

Omicidio Rostagno, condanna definitiva all’ergastolo per il boss Virga: fu il mandante. Ma resta il mistero su chi sparò

next