Partecipava a chat jihadiste, si addestrava per compiere attentati terroristici e stava studiando pure come realizzare ordigni esplosivi. Un cittadino italiano, residente in provincia di Cosenza, è stato arrestato su richiesta della Dda di Catanzaro con l’accusa di auto-addestramento ad attività con finalità di terrorismo anche internazionale. Nel materiale informatico sequestrato, gli investigatori hanno trovato manuali di istruzioni sulla costruzione di bombe, tutorial sull’addestramento e la conduzione di operazioni terroristiche, nonché video ed immagini cruente di esecuzioni dell’Isis, riviste ufficiali delle agenzie mediatiche del sedicente Stato islamico, Al Qaeda e altri gruppi terroristici.

L’inchiesta, denominata “Miraggio”, è stata condotta dalla Digos distrettuale di Catanzaro e di Cosenza, dalla Polizia postale e dal Servizio per il Contrasto all’estremismo e terrorismo esterno della Dcpp/Ucigos, diretta e coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo di Catanzaro con il procuratore Nicola Gratteri, il procuratore aggiunto Vincenzo Capomolla e il pm Graziella Viscomi. Gli accertamenti sono iniziati dopo che la presenza dell’indagato su piattaforme online in lingua araba di propaganda del terrorismo è stata segnalata ai magistrati grazie alla collaborazione internazionale con altre procure. Dalle intercettazioni è emerso che l’uomo disponeva di numerosi account su piattaforme social (Telegram, Rocket Chat, Riot) attraversocui partecipava a gruppi chiusi di connotazione jihadista per accedere ai quali bisognava essere accreditati e quindi ritenuti affidabili dagli amministratori dei canali.

Il quadro indiziario, secondo l’accusa, è stato confermato dalle risultanze delle intercettazioni ambientali e telefoniche oltre che dal contenuto del materiale sequestrato durante le indagini, dispositivi telefonici e informatici, memorie Usb, documenti e manoscritti. Dalle analisi dei dispositivi è emerso inoltre che l’indagato aveva seguito le regole suggerite dagli organi di propaganda del Califfato per mantenere anonime e sicure le informazioni e i materiali di cui era in possesso.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Tar del Lazio riassegna la scorta ad Antonio Ingroia: “È ancora a rischio per il suo ruolo nella lotta alla mafia”

next
Articolo Successivo

Femminicidio a Pordenone, “non sono serena non posso accettare l’incarico”: così l’avvocata ha deciso di non difendere Giuseppe Forciniti

next