Quanto fosse sinceramente legato al “Pibe de Oro” Diego Armando Maradona lo si era capito già dal commosso tweet che aveva pubblicato ieri dopo l’annuncio della sua morte, ma oggi, in diretta a Storie Italiane su Rai 1, Lapo Elkann non ha trattenuto le lacrime nel parlare del fuoriclasse argentino stroncato a 60 anni da un arresto cardiocircolatorio. “Ci prendevano in giro per le nostre dipendenze“, ha detto Lapo scoppiando in lacrime. “Io ero onorato di stare vicino a Diego quando sui social pubblicavano la nostra foto assieme. Era un vero amico. Un dolore immenso. Sono distrutto“, ha detto ancora a Eleonora Daniele, spiazzata dalla sua commozione sincera e profonda. “Mi manchi e resti il numero 1 indiscusso”, ha concluso il rampollo di casa Agnelli che, tra l’altro, ha origini partenopee da parte della nonna materna.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mauro Corona sarà ospite a Piazza Pulita. Ecco perché si tratta di “un inedito”

next
Articolo Successivo

Alberto Matano furibondo: “Togliamo il collegamento dal San Paolo, non si può vedere questo”

next