La morte di Ilaria Alpi riguarda tutti. Riguarda anche quelli che non conoscono la sua storia ed è soprattutto a loro che è importante raccontarla. Nella graphic novel “Ilaria Alpi. Armi e veleni, le verità interrotte”, edita da PaperFirst e in edicola dal 26 novembre con Il Fatto Quotidiano, si parte da Mogadiscio, siamo nei primi anni ’90. Ilaria Alpi è una giovane inviata del Tg3 in Somalia, in piena guerra civile. Vuole raccontare la disperazione di un popolo, il suo impegno e la sua attenzione sono rivolti alle vittime del conflitto, le donne, i bambini, gli ultimi.

Poi, qualcosa cambia. Stando sul campo, si accorge che i conti non tornano. Ed è allora che il focus si sposta. Il suo impegno diventa sempre più investigativo e dà così inizio all’inchiesta che le costerà la vita. Si mette a scavare nel mondo della cooperazione internazionale e tutto quello che nasconde: un traffico di armi e rifiuti tossici e radioattivi. Ilaria ha una fonte che la indirizza con precisione: nomi, date, luoghi. È a conoscenza di elementi e circostanze inaccessibili. È entrata in un ingranaggio pericolosissimo, uno di quelli per cui si può arrivare ad uccidere un giornalista scomodo.

Ma Ilaria non si sottrae, e questo è importante ricordare e raccontare di lei. Come è giusto che sia per una giornalista vera, non si allontana dalla ricerca della verità, al contrario insiste fino all’ultimo, fino a quel viaggio a Bosaso, di cui nessuno sapeva nulla; fino a quel 20 marzo 1994 in cui fu assassinata a poche centinaia di metri dall’hotel Amana, insieme al suo operatore Miran Hrovatin.

A distanza di ventisei anni non abbiamo ancora una verità giudiziaria per queste morti. Non si conoscono i nomi dei mandanti, né quelli degli esecutori materiali del duplice omicidio. Abbiamo avuto, invece, una terza vittima, Hashi Omar Hassan, l’uomo che ha trascorso sedici anni in carcere da innocente. Un capro espiatorio messo davanti ai nostri occhi per nasconderci la verità.

E oggi, dopo il quarto ‘no’ all’archiviazione pronunciato dal Gip di Roma, è ancora più importante raccontare la storia di Ilaria, tenere vivo il suo ricordo e non smettere di chiedere verità. Perché non riguarda solo la sua famiglia, o un gruppo di giornalisti. Riguarda tutti noi. Il fumetto, che ha un appeal enorme tra i lettori più giovani, in questo senso, diventa uno strumento formidabile per arrivare a un pubblico nuovo a cui raccontare una storia non più così lontana.

ILARIA ALPI. Armi e veleni, le verità interrotte (ed. PaperFirst)
di Lucia Guarano con disegni di Matteo Ammirati

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid e vaccini, senza spazio per il dibattito pubblico prendono piede tendenze pericolose

next
Articolo Successivo

Classifica Sensemakers sull’attività social, al primo posto c’è Chiara Ferragni. Tra i politici Salvini, Scanzi per i giornalisti

next