Che la seconda passione di Gianni Morandi, oltre alla musica, sia la corsa non è un mistero. A 75 anni il cantante è in gran forma e ha partecipato anche a diverse maratone, dal 1997 ha aderito ben 13 volte alla famosa maratona di New York con i suoi 42 km e 195 metri. Ogni giorno Morandi si allena e lo fa anche a casa sua a San Lazzaro di Savena (Bologna), immerso nel verde. L’artista ha sempre dichiarato il suo amore per la corsa in diverse interviste: “Quando passo un breve periodo in cui non riesco ad andare a correre mi sento vuoto, fisicamente impacciato, indolenzito. Mi sembra quasi di buttar via il tempo. Corro finché ce la faccio, divano e tv non fanno per me”.

Durante una delle sue corse mattutine però è avvenuto un incontro spiacevole. “Oggi durante la mia solita corsa – ha raccontato su Facebook l’artista – ho incontrato una persona che mi ha riconosciuto e mi ha urlato: ‘Stai attento! Alla tua età ci puoi rimanere…Io mi sono toccato dove sapete e mentre proseguivo gli ho risposto male mostrandogli le corna”. Insomma un gesto scaramantico e una risata per scongiurare quella frase che ha colpito Gianni Morandi.

I suoi fan lo hanno inondato di commenti (oltre ottomila) “Hai fatto bene!!! Gianni uno di noi!”, “qualche collega invidioso per la tua splendida forma” e anche “ma perché le persone non si fanno i propri affari….. tutta invidia”. Ma c’è anche chi ha criticato Morandi per il suo gesto: “Forse ti ha visto affaticato è per questo che ti ha detto quelle cose , ci vuole tanta pazienza , però lui non ha fatto i fatti suoi ma tu sei stato sgarbato perciò siete pari”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iva Zanicchi provata dal covid: “Va a colpire dove hai patologie. Io sono vecchia ma sana e mi ha colpito in cose di 10 anni fa”

next
Articolo Successivo

La tosse di Conte

next