Ultima puntata dal retrogusto amaro per “Tale e Quale Show”. Nel corso della trasmissione Sergio Muniz ha imitato Ghali. Per farlo si è affidato a un trucco marcato, più scuro del suo colore di pelle. Una scelta per niente apprezzata dall’artista italiano con origini tunisine, che ha tirato in ballo uno spunto di riflessione importante e non banale: la blackface. Quando si parla di blackface, si fa riferimento ad uno stile di trucco che consente a una persona caucasica di assumere i connotati riconducibili a uomini e donne di pelle nera. Si tratta di una pratica nata nel 19esimo negli Stati Uniti, che è stata retaggio dello schiavismo e del colonialismo, e quindi largamente ritenuta offensiva.

Ora Ghali attacca la trasmissione proprio per l’uso del trucco più scuro usato per la sua imitazione. Queste le sue parole su Instagram: “Non c’è bisogno di fare il blackface per imitare me o altri artisti. Potrete dire che esagero, che mi devo fare una risata o che non si vuole offendere nessuno, lo capisco. Ma per offendere qualcuno basta semplicemente essere ignoranti, non bisogna per forza essere cattivi o guidati dal’odio. Si può anche essere belle brave persone e non sapere che la storia del blackface va ben oltre un semplice make up, trucco o travestimento”.

Non è la prima volta che la trasmissione viene accusata di blackface. Già in passato nel programma di Carlo Conti sono stati interpretati molti artisti neri: da Aretha Franklin a Beyoncé, fino a James Brown. Tutti con un trucco marcato. Ogni volta è esplosa la polemica sui social. Ma è successo anche il contrario, quando Karima Ammar si è truccata con un trucco più chiaro per interpretare artiste bianche come Carmen Consoli o Amy Winehouse. Carlo Conti era già intervenuto in merito: “Ci tengo a sottolineare che qui a Tale e Quale facciamo tutti i grandi artisti. A noi non interessa il colore della pelle o la loro religione. Per me noi sono celebrazioni di grandi artisti”.

Proprio perché la blackface è diventata una pratica usuale a “Tale e Quale Show”, Ghali ha deciso di metterci la faccia per chiedere alla trasmissione di Rai1 di smetterla. Lo ha fatto pubblicando degli articoli internazionali che condannano l’usanza del programma: “Non facciamo una bella figura né con chi è meno superficiale in questo Paese e nemmeno con chi ci guarda da fuori. Ci sono tante caratteristiche che si possono riprodurre ed imitare in un personaggio. È la seconda volta che mi emulate in questo modo, dipingendo la faccia oltre a fare commenti usando luoghi comuni e paragoni su aspetto fisico e bellezza. Non mi sono offeso, davvero. Ma nemmeno ho riso. Bastava l’autotune e un bel look. Perché il blackface è condannato ovunque specie in un anno come questo, in cui gli avvenimenti e le proteste sono stati alla portata di tutti”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sting accusato dello stupro di una quindicenne: “Mi ha violentato dopo un concerto”. Lui nega: “Mai incontrata”

next
Articolo Successivo

Michela Giraud a FQMagazine: “Ero quella che alle cene rompeva le scatole a tutti. La comicità non deve essere corretta, ma intelligente”

next