Ognuno pensa di essere in una bolla sicura ma non è così. Il virus non guarda in faccia nessuno e cerca di attaccarsi a più persone possibili. Ognuno di noi è a contatto con persone che a loro volta sono a contatto con altre”. Così, a “Dimartedì” (La7), Ilaria Capua, direttrice dell’One Health Center dell’università della Florida, spiega il meccanismo complesso dei contagi da coronavirus, evidenziando la differenza tra bolla percepita e bolla reale.

La virologa cita ad esempio il caso di un focolaio avvenuto dopo un matrimonio negli Stati Uniti: “Il numero degli invitati era 60, quindi si trattava di un matrimonio piccolo. Tra queste 60 persone, vi era una sola persona infetta, che a sua volta ha contagiato 176 persone, delle quali sono morte 7. E i deceduti non erano nemmeno andati al matrimonio. Questo fa capire la complessità delle catene di trasmissione del virus – continua – Gli assembramenti nei negozi Lidl? Torno a dire quello che ho detto tante volte: è fondamentale la responsabilità individuale. Purtroppo queste persone si rendono strumenti di una catena di morte, perché, come è successo nel matrimonio negli Usa, il virus passa attraverso tante persone e alla fine, prima o poi, infetta una persona fragile. I cicli virali sono delle funzioni matematiche, quindi più cicli di amplificazione esistono, più l’infezione diventa esplosiva e contagiosa”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calabria, Gratteri su La7: “Gino Strada? Ha fatto grandi cose. Ma come commissario serve un manager contro ruberie, non un bravo medico”

next
Articolo Successivo

“Il Covid può influire sulle capacità mentali di persone giovani con strascichi a medio e a lungo termine”: le parole della biologa Gallavotti su La7

next