Tutti impazziti per la linea d’abbigliamento “streetwear” della Lidl. Sbarcata sugli scaffali del discount il 16 novembre, è andata sold-out sin dalle prime ore del mattino. Alle ore 13 in tutti e i 660 punti vendita sparsi per le 19 regioni italiane (tutte, tranne la Basilicata) non c’era più traccia di un solo prodotto dell’intera “Lidl Fan Collection”. Come testimoniano alcuni video pubblicati online, si sono creati dei veri e propri assembramenti – alla faccia del Covid-19 – per accaparrarsi uno dei prodotti.

C’è chi ha provato a mettersi in fila perché incaricato da qualcun altro (figli, amici, nipoti), chi perché effettivamente interessato a indossare il prodotto come un brand di alta moda e chi perché punta alla rivendita online. Si tratta di un’edizione limitata (“Non sappiamo dire se e quando torneranno mai disponibili”, sostiene l’azienda) e c’è chi è disposto a pagare caro pur di ottenere uno di quei prodotti divenuti un oggetto di culto da sfoggiare sui social o con gli amici. Quest’estate, quando la linea è uscita in Nord Europa, c‘è chi è riuscito a rivendere un paio di scarpe a 2700 euro con un ricarico del 20mila percento sul prezzo originale.

Sugli scaffali, però, scarpe, ciabatte, t-shirt e persino i calzini vengono venduti a prezzi da discount. Il “pezzo” più ambito sono le sneakers caratterizzate dal blu e dal giallo. L’azienda le aveva definite “chunky come le sneaker più alla moda del momento e dai colori bold come un quadro di Mondrian”: un paio costa 12,99 euro. Per acquistare le ciabatte bastano 4,99 euro, mentre per i calzini servono meno di 3 euro. Diverso è il prezzo per l’acquisto online: al momento non sono disponibili sul sito ufficiale di Lidl, ma i prodotti vengono appunto rivenduti a prezzi esorbitanti sui siti specializzati. Su eBay, per esempio, c’è chi prova a rivendere un paio di scarpe a 1500 euro (con spedizione gratuita, almeno quella).

Video Facebook/Instagram girati a Roma e Milano

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amici 2020, Andreas Muller: “Lascio il programma”

next
Articolo Successivo

Alba Parietti: “Alberto Genovese? L’ho visto una volta a Courmayeur, ricordo il suo troppo denaro”

next