Un’altra concorrente del “Grande Fratello Vip” rischia la squalifica. Dopo Fausto Leali, colpevole di aver detto la “n-word”, dopo Stefano Bettarini e Denis Dosio, colpevoli di aver detto una bestemmia (anche se loro sostengono di aver usato un intercalare della loro zona), ora potrebbe toccare a Selvaggia Roma, appena entrata nella Casa.

Sono passate meno di 72 ore dal suo ingresso e l’influencer ha già fatto discutere per aver usato l’espressione “mong**oide” in maniera inappropriata. Su Twitter l’associazione nazionale delle persone con sindrome di Down ha deciso di rilanciare il filmato incriminato per invitare la produzione del reality di Canale 5: “Al Grande Fratello di nuovo viene usata la parola con intento spregiativo e offensivo per le persone con sindrome di Down. Chiediamo provvedimenti verso la concorrente. Basta insulti e linguaggio discriminatorio”. Solo stasera, durante la nuova puntata del programma condotto da Alfonso Signorini, scopriremo se la produzione deciderà di intervenire.

Non è la prima volta che Selvaggia Roma, “nome d’arte” di Sabrina Haddaji, si rende protagonista di uno sfondone offensivo. Qualche mese fa su Instagram, parlando di una “pillola miracolosa” utile a perder peso, l’influencer usava questi termini: “Mi si è fermato il metabolismo! Ho una pancia… Avete presente i bambini africani?! Ecco, sto facendo quella fine”. Anche in quell’occasione, come stavolta, il popolo dei social si era indignato con parole di fuoco. Lei si era scusata a “Live – Non è la d’Urso”: “Chiedo scusa a tutti nuovamente perché comunque sia ho detto quella frase con troppa leggerezza. Mi hanno detto di tutto, che sono razzista, omofoba… da un estremo all’altro. Quello che ho detto non è stato intenzionale per offendere, del resto anche io faccio parte dell’Africa. Mio padre è tunisino. Ho riconosciuto il mio sbaglio e sono consapevole della sciocchezza che ho commesso”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maurizio Merluzzo: “Su una barella al pronto soccorso per giorni, ho visto di tutto. I negazionisti? Sputategli in faccia”

next
Articolo Successivo

Gene Gnocchi fa una battuta su Rocco Siffredi dentro la cattedrale di Carpi. La diocesi: “Frasi oscene sui suoi attributi”

next