Il premier del Regno Unito Boris Johnson è di nuovo in autoisolamento dopo un contatto con un deputato, Lee Anderson, risultato poi positivo al Covid. Come si ricorderà Johnson aveva contratto il virus in forma grave in primavera, fino ad essere ricoverato in terapia intensiva. In questo caso la procedura è solo di cautela: sta bene e non ha sintomi, spiega il portavoce, continuerà a lavorare dalla sua residenza di Downing Street, “in particolare per guidare la risposta governativa alla pandemia”. Johnson aveva incontrato Anderson in una riunione con i parlamentari Tory. Il ministro della Sanità inglese, Matt Hancock, intervenuto a una radio nazionale in mattinata, ha glissato sul possibile mancato distanziamento di 2 metri fra BoJo e il deputato Anderson mostrato da alcune immagini.

Per l’esecutivo britannico la settimana che si apre prevede impegni cruciali: dal negoziato con l’Ue sul dopo Brexit, al reset dello staff e dell’azione di governo atteso sulla scia dell’uscita di scena dell’ormai ex eminenza grigia di Downing Street, Dominic Cummings. Oggi lo stesso Hancock, intervenuto a Times Radio, ha inoltre confermato l’annuncio del programma destinato a portare i test Covid nel Regno Unito dall’attuale record europeo di 300mila giornalieri circa addirittura a 600mila all’inizio del 2021: nella consapevolezza che l’infezione è destinata a circolare anche l’anno prossimo malgrado il progressi sul fronte dei vaccini.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Usa 2020, purtroppo per gli americani l’ecologia non conta molto

next
Articolo Successivo

I Boy Scout d’America travolti dalle denunce per abusi sessuali: sono oltre 81mila. “La prevalenza delle violenze è scioccante”

next