Da quando sappiamo con certezza che quello che prima era “normale ora non lo è più, abbiamo imparato alcune cose. Con la pandemia di coronavirus non siamo diventati migliori, come qualcuno sentenziava durante il primo lockdown di marzo. Anzi, siamo spesso più violenti e incazzati, con qualcuno purchessia. Ma siamo consapevoli, per esempio, che ci manca vedere qualcuno che non faccia parte del nostro nucleo familiare o, se si è soli, che ci manche vedere qualcuno in generale. Magari quell’amico, quel tale, ci aveva pure un po’ stufato ma ora, ah che gioia, che sublime meraviglia sarebbe invitarlo a casa a mangiare una pizzetta. Impossibile. Occorre aspettare, e anzi essere rigidi nel rispettare le disposizioni in materia di covid-19, per difenderci e proteggere gli altri, per cercare di evitare un fatale peggioramento, per uscirne prima possibile. Intanto però il Belgio, dove i casi sono 500 mila e morti hanno superato i 13 mila e che si trova in un nuovo lockdown (definito dal premier Alexander De Croo “confinamento” e non isolamento”), ha introdotto il knuffelcontact. Chi? Il compagno di coccole. Perché la solitudine o la routine non rischino di impattare sulla salute psichica della popolazione. Tutti possono averne uno e il single possono averne due. Ora, non che questo significhi poter fare quello che si vuole. Per esempio, le famiglie possono invitarne a casa uno alla volta: se è presente il “compagno di coccole” del figlio non se ne possono invitare altri. Idem i single: ne hanno a disposizione due, sì, ma da invitare separatamente. Insomma, il “compagno di coccole”, rispettando le regole, dovrebbe aiutare a sentire meno il peso del lockdown.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

J.K. Rowling torna con un un nuovo libro: Ickabog, la favola nata durante il lockdown. Ma sui social in molti invocano il boicottaggio

next
Articolo Successivo

Aurora Ramazzotti e il Covid: “Oggi sto peggio, questo virus cambia ogni giorno”

next