“Stefano ci ha lasciato!Due ore fa… Era ricoverato da una settimana e per rispetto non ne avevamo mai parlato… Oggi pomeriggio, dopo giorni di paura, sembrava che la situazione stesse migliorando… Poi, stasera, la terribile notizia. Abbiamo perso un fratello, un compagno di vita, il testimone di tanti momenti importanti, ma soprattutto, tutti noi, abbiamo perso una persona per bene, onesta prima di tutto con se stessa. Preghiamo per lui. Ciao Stefano, nostro amico per sempre… Roby, Dodi, Red, Riccardo”. Sono parole da leggere tutte d’un fiato quelle scritte da Roby Facchinetti su Instagram, parole di dolore e rassegnazione. L’indimenticato batterista dei Pooh se n’è andato per complicazioni da covid-19. Era nel gruppo dal 1971 quando ha sostituito Valerio Negrini che aveva deciso di abbandonare per essere solo l’autore della band. D’Orazio era anche il responsabile della parte finanziaria e manageriale del complesso. Un uomo concreto, molto amato da Red Canzian, Roby Facchinetti e Dodi Battaglia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stefano D’Orazio morto, Francesco Facchinetti: “Zio SDO ti voglio ricordare così. Non smetto di piangere”

next
Articolo Successivo

Stefano D’Orazio, Emanuela Folliero la sua ‘storica’ fidanzata: le parole di addio

next