Zio SDO… grazie per il bene che mi hai voluto. Mi mancherai“. Sono queste le prima parole con le quali Francesco Facchinetti dice addio a Stefano D’Orazio, morto all’età di 72 anni. Francesco era molto legato al batterista dei Pooh, e questo non è il solo pensiero che ha dedicato su Twitter allo “zio”: “Non smetto di piangere… grazie zio per la tua ultima canzone che hai regalato a papà e a Bergamo. Salutami Valerio…”, ha scritto poco dopo. E stamani mattina ha postato una bella foto di D’Orazio con la sua batteria: “Ciao zio SDO, in questo giorno di grande sofferenza per tutti noi io ti voglio ricordare così: alla tua batteria. Quella batteria infinita, grandissima, che è diventata il tuo simbolo: la batteria di Stefano D’Orazio! Ti ho voluto bene e tu ne hai voluto a me…buon viaggio“.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

È morto Stefano D’Orazio, lo storico batterista dei Pooh aveva 72 anni. Loretta Goggi: “È stato il Covid”. A marzo scrisse la canzone per Bergamo

next
Articolo Successivo

Stefano D’Orazio, Roby Facchinetti: “Sembrava stesse migliorando… Poi la terribile notizia”

next