Zio SDO… grazie per il bene che mi hai voluto. Mi mancherai“. Sono queste le prima parole con le quali Francesco Facchinetti dice addio a Stefano D’Orazio, morto all’età di 72 anni. Francesco era molto legato al batterista dei Pooh, e questo non è il solo pensiero che ha dedicato su Twitter allo “zio”: “Non smetto di piangere… grazie zio per la tua ultima canzone che hai regalato a papà e a Bergamo. Salutami Valerio…”, ha scritto poco dopo. E stamani mattina ha postato una bella foto di D’Orazio con la sua batteria: “Ciao zio SDO, in questo giorno di grande sofferenza per tutti noi io ti voglio ricordare così: alla tua batteria. Quella batteria infinita, grandissima, che è diventata il tuo simbolo: la batteria di Stefano D’Orazio! Ti ho voluto bene e tu ne hai voluto a me…buon viaggio“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

È morto Stefano D’Orazio, lo storico batterista dei Pooh aveva 72 anni. Loretta Goggi: “È stato il Covid”. A marzo scrisse la canzone per Bergamo

next
Articolo Successivo

Stefano D’Orazio, Roby Facchinetti: “Sembrava stesse migliorando… Poi la terribile notizia”

next