L’India segue col fiato sospeso le operazioni, in corso da ieri sera, per tentare di salvare Prahlad, un bambino di quattro anni intrappolato in un pozzo, nel villaggio di Septura, nello stato del Madhya Pradesh. Secondo i media, il piccolo si era avvicinato al pozzo mentre suo padre e altri abitanti del villaggio stavano facendo interventi di manutenzione. Il pozzo, a cielo aperto, è profondo 60 metri, e Prahad è bloccato all’altezza di 15 metri.

Oltre ai soccorritori della Protezione Civile, nella notte è arrivato sul posto anche l’esercito: il governatore dello stato, Shivraj Singh Chouhan, ha twittato che i militari stanno scavando un pozzo parallelo per raggiungere il bambino. I pozzi a cielo aperto, che si trovano in gran parte dei villaggi rurali indiani, costituiscono uno dei pericoli maggiori, spesso mortali, per i bambini che vivono in quelle aree: ogni anno si contano alcune decine di incidenti di questo tipo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Thailandia censura Pornhub e scoppiano le proteste: i manifestanti in piazza per chiedere l’accesso libero al sito di porno

next
Articolo Successivo

Balena spunta all’improvviso e inghiotte due donne sul kayak: le immagini impressionanti dell’attacco

next