Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, non riesce a imporre a tutti i medici di base di effettuare i tamponi rapidi e allora si affida ai veterinari. Con una motivazione tecnico-professionale che ha illustrato nel corso dell’ormai consueta conferenza stampa nella sede della Protezione civile del Veneto. “L’uomo è un mammifero e a livello di mammiferi i veterinari sono esperti, se fossero disponibili potremmo fare un percorso anche con loro: abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti. Sono bravissimi professionisti e potremmo affidare i test anche a loro”. Ha informato che la Regione Veneto sta studiando anche questo progetto, “per unire le forze di tutti”. E ha aggiunto: “Abbiamo dato mandato alla dottoressa Francesca Russo, responsabile della Direzione prevenzione e salute, di convocare i rappresentanti dei veterinari per fare lo stesso lavoro dei medici di base. In totale, in Veneto, sono 2450”.

La premessa di questa scelta è nel fatto che il “contact tracing è in difficoltà – ha spiegato – per questo mi auguro che la collaborazione con i medici di base sia proficua, anche in questo senso, oltre che per dare un servizio ai pazienti. È un lavoro di squadra, sono stato richiamato per i toni ma sinceramente noi non abbiamo tempo di star qui a ‘pettinare le bambole’”. In effetti il coinvolgimento dei medici di base non era stato accolto con favore dagli stessi, che da mesi sono sotto pressione e svolgono il ruolo di primo avamposto nel territorio, a diretto contatto con i pazienti. “Nelle prossime ore kit di tamponi e dispositivi a tutti i medici di base, ne stanno arrivando 64mila dal governo, siamo la prima regione in Italia a testare questa procedura e a testare le polemiche. Ma io non potevo aspettare” ha concluso Zaia.

A parte le prese di posizione della categoria, ieri è arrivata da Verona una dichiarazione molto severa di un medico di base, la dottoressa Franco Mirandola che è anche sindacalista della Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti: “Sono tornata a casa dopo sette mesi di ospedale. Mi ha infettata un paziente nel mio studio e io a mia volte ho contagiato mio marito. Lui se l’è cavata subito, io sono finita per due volte in rianimazione e ancora lotto contro il virus”. E a Zaia ha detto: “In oltre l’80 per cento degli ambulatori non si può garantire la sicurezza. Per fare un tampone, basta fare un mini-corso, non è necessario un medico: vadano Zaia e la sua Giunta a farli, magari viene anche il ministro Speranza (che ha tanto celebrato l’accordo nazionale) senza dispositivi di sicurezza, come chiedete a noi”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, Appendino perde un altro pezzo della sua maggioranza: il consigliere Damiano Carretto lascia il gruppo M5s e passa al Misto

next
Articolo Successivo

Legge sull’omotransfobia, centrodestra protesta in Aula con cartelli e bavagli. Dissidenti di Forza Italia votano a favore: “Diciamo sì con orgoglio”

next