“La cosa che ci fa più rabbia è sentire tante gente che non crede al virus. Noi che giriamo negli ospedali e nelle terapie intensive vediamo tutti i giorni le persone che stanno male”. Veronica Archenti è una dei tanti soccorritori volontari dell’Avis-Anpas di Cologno Monzese. Negli ultimi giorni il numero degli interventi in ambulanza è aumentato sempre di più. “In particolare nel basso varesotto, in Brianza e nell’area metropolitana di Milano” spiega Luca Puelo, presidente di Anpas che gestisce oltre il 50% delle ambulanze lombarde. Numeri che hanno portato a sviluppare un piano coordinato da Areu (Azienda regionale emergenza-urgenza) di implementazione dei mezzi. Una trentina di ambulanze aggiuntive per le zone più colpite, ma il numero potrebbe aumentare nei prossimi giorni. Nel frattempo i nuovi positivi non smettono di crescere. “Spesso troviamo persone che fanno fatica a respirare e dunque a parlare e ad esprimersi così dobbiamo farci aiutare dai parenti” spiega Michele Mileto, 22 anni, laureando in medicina e soccorritore volontario. I casi continuano ad aumentare così come i tempi di attesa dei mezzi nei pronto soccorso. “L’invito rimane quello di non recarsi direttamente lì – avverte Puleo – ma di contattare il medico curante per evitare di sovraccaricare gli ospedali”. Nel frattempo i volontari lavorano senza sosta anche se a qualcuno sembra di “svuotare il mare con un cucchiaino perché non ci si ferma mai e si risponde a una chiamata dopo l’altra”. Molti di loro non si sono mai fermati da marzo ad oggi. “È un momento in cui la stanchezza a volte si fa sentire – conclude Stefano Fortunato, vice presidente dell’Avis Cologno – ma noi andiamo avanti”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Roma, tensioni e scontri alla manifestazione delle Mascherine Tricolori contro il lockdown

next
Articolo Successivo

La mamma derisa da De Luca: “Chi ricopre una carica istituzionale deve trovare soluzioni, non prendersi gioco delle persone”

next