Debutto da record per la nuova edizione de “Il Collegio”. La prima puntata, già cult per la generazione Z, è stata vista da 2.520.451 spettatori pari all’11,59% di share: si tratta del miglior debutto di sempre per l’esperimento sociale di Rai2 che catapulta 21 adolescenti in un’epoca diversa da quella attuale. Quest’anno i protagonisti dovranno adattarsi alle regole e al contesto del 1992. L’obiettivo? Passare l’esame di terza media.

Tra un “ma chi sono gli 883?” e “Roberto Baggio, il poeta?!”, c’è chi sogna di diventare Chiara Ferragni. Stiamo parlando di Rebecca Morgelli, la 15enne appassionata di moda, che a una precisa domanda della sorvegliante ha risposto: “Nella vita voglio fare Chiara Ferragni”. Il video è diventato virale sui social e l’imprenditrice digitale ha commentato il video con una risata.

Menzione speciale per Giulia Scarano, la 14enne di Manfredonia, forse il personaggio più particolare di questa edizione. “Mi sento una vip qui dentro. Io a casa non faccio niente: mi chiamano “la contessina”, perché sto sempre sul divano. Il divano è il mio habitat naturale” sono state le sue parole di presentazione. È entrata al Collegio con un caciocavallo e dei taralli, con cui ha provato “ingraziarsi” le simpatie della sorvegliante.

Ma c’è chi l’ha battuta: Alessandro Andreini. Per lui, che è un catechista, Gesù è un esempio di vita. Il 16enne è entrato nelle camerate del programma con una pizza vecchia di due giorni e alcune cianfrusaglie varie: “Sono stato bullizzato perché parlavo con le verdure. Portavo un peperone a passeggio, così era più buono”.

Non sono mancati i momenti più toccanti. Come quando i fratelli Rahul e Usha hanno commosso il pubblico raccontando la loro storia di adozione. Nati a Nuova Dehli, sono stati adottati da una famiglia toscana nel 2011 (quando avevano 8 e 6 anni) dopo che erano stati abbandonati dai genitori biologici. “Un volo di 14 ore ci ha cambiato la vita”, hanno detto.

Per altri due di loro, invece, le porte del “Collegio” si sono già chiuse. Stiamo parlando di Luca Lapolla e Mishel Gashi. I due adolescenti sono stati espulsi dal preside perché avevano cercato di nascondere dei telefoni cellulari, andando contro le regole del programma. Se ne sono andati tra le lacrime… ma con qualche migliaia di follower in più sui social.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Barbara D’Urso furiosa: “Questa è casa mia, si fa quello che decido io”. Ecco cosa è accaduto

next
Articolo Successivo

Patrizia De Blanck: “Si sparasse così ha finito di rompere i coglio***”. La frase che supera il limite

next