“Avanti così, si rischia di morire in ambulanza o in casa, come accadeva in primavera”. Milano e la Lombardia stanno tornando alla situazione di marzo e aprile: Maurizio Viecca, primario di cardiologia al Sacco di Milano, chiede di intervenire subito, perché gli ospedali del capoluogo “sono al collasso, non c’è più posto per i pazienti”. Oggi in città è salito a 1.092 il numero di nuovi contagi, ne sono stati accertati 2.708 se si considera anche l’hinterland. In tutta la Regione è stata superata per la prima volta quota 7mila nuovi casi in 24 ore (+7.558) con 40mila tamponi. Male anche il numero dei posti letto occupati da pazienti Covid: sono tornati oltre i 3mila su tutto il territorio regionale (con un aumento di 300 ricoveri in 24 ore). Il consigliere del ministero della Salute Walter Ricciardi ieri ha evocato un “lockdown per Milano e Napoli” alla luce dell’andamento dei contagi. I sindaci di entrambe le città, Giuseppe Sala e Luigi de Magistris, hanno scritto una lettera indirizzata direttamente al ministro Roberto Speranza per chiedere dei chiarimenti. L’ipotesi di chiudere del tutto il capoluogo lombardo è già stata scartata dal sindaco Sala, almeno per ora: “Per quello che osservo è una scelta sbagliata.

“La crisi degli ospedali non dipende tanto dai posti liberi o meno, ma dalla mancanza di personale. Tanti operatori sanitari si sono ammalati, in percentuali che in primavera non si era riscontrate perché a Milano il virus circolava meno”, spiega Viecca intervistato dall’Agi. Secondo il primario, bisogna adottare subito delle soluzioni che permettano di evitare scenari ancora peggiori: “Occorre immediatamente ridurre i contatti, sui mezzi pubblici anzitutto. Si deve aprire l’Area C a Milano, si devono utilizzare pullman privati a uso turistico”, propone Viecca.

Il primario insiste però in particolare su un concetto: “Ci vogliono i controlli delle forze dell’ordine”. Il motivo? “Se il 95% delle persone utilizzasse mascherine a norma, avremmo migliaia di morti in meno e il lockdown sarebbe risolutivo e breve, come dimostra uno studio dell’Università di Washington“. “Il controllo dell’utilizzo delle mascherine – conclude quindi Viecca – e le sanzioni per chi non le indossa o le indossa scorrettamente è per le istituzioni un dovere sociale ma anche morale“.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Puglia, Emiliano chiude tutte le scuole: “Decisione dolorosa, ma troppi contagi. Per novembre ne prevediamo 2.500 al giorno”

next
Articolo Successivo

Sophia Loren e il Covid: “È difficile da dire. Ho paura di tutto, così seguo le regole”

next