Un racconto drammatico che lascia senza parole. Matthew McConaughey è stato molestato da un uomo quando aveva 15 anni e “a 18 anni, sono stato violentato nel retro un van mentre ero privo di sensi“. Una confessione che l’attore fa in “Greenlights“, il racconto della sua vita. “Fui ricattato per fare sesso per la prima volta a 15 anni. Ero certo che sarei andato all’inferno per quel sesso pre-matrimoniale. Oggi, spero davvero che non sia così. Non mi sono sentito una vittima. Avevo tante prove intorno a me del fatto che il mondo stava cospirando per rendermi felice”, si legge nell’autobiografia. Nel 2016, Matthew è stato uno dei supporter del Programma Eliminazione Stupri dell’Università del Texas. L’attore ha l’abitudine di tenere un diario e proprio leggendo quelli vecchi gli è venuta l’idea metterli tutti insieme, di raccogliere i fatti e i pensieri in un libro che è una narrazione di tutto quello che ha vissuto, fin qui. Un libro che fa riflettere, che “lo ha aiutato molto” e che, assicura l’attore, farà anche sorridere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

X Factor 2020, ecco i dodici concorrenti: il nostro possibile podio

next
Articolo Successivo

Tiziano Ferro: “Grazie Papa Francesco, perché mi ricordi chi sono, da dove vengo e quanto forte rimarrà la mia Fede”

next