Ci sono nuvoloni all’orizzonte. Lo vediamo non solo dai dati italiani, ma anche da tutto quello che circonda l’Italia. Il numero dei contagi è in aumento in moltissimi paesi europei. Riguardo alle misure messe in atto, io non me la sento davvero di colpevolizzare nessuno. Si è fatto quello che si è potuto in una situazione molto difficile“. Sono le parole della virologa Ilaria Capua, direttrice dell’One Health Center of Excellence dell’università della Florida, nel corso della trasmissione “Dimartedì” (La7).

E sottolinea: “Non dobbiamo dimenticare che questa è una pandemia e le pandemie sono fenomeni epocali. La nostra generazione forse pensava di non dover affrontare mai una catastrofe. I nostri genitori invece l’hanno affrontata con una guerra e i nostri nonni con due guerre. Io non voglio spaventare, né terrorizzare, ma dico una cosa: l’Europa purtroppo si è mossa in modo frammentario e non è riuscita ad arginare la diffusione del virus“.

La virologa raccomanda: “Dobbiamo veramente renderci conto che è il momento di essere proattivi e non più passivi. Ognuno di noi deve avere come obiettivo quello di cercare di tenere il più lontano dal virus se stesso e i propri cari. Purtroppo ha giocato molto il lassismo, perché non tutti si sono comportati in un certo modo. E’ necessario che ciascuno di noi si muova veramente il meno possibile e tagli gli spostamenti non necessari, perché sono le persone che fanno la pandemia. E’ ovvio che – continua – l’apertura delle scuole e la ripresa delle attività lavorative abbiano creato questa circolazione virale attiva, ma con questa dovremo convivere. Dobbiamo anche abituarci a una socializzazione diversa, che sicuramente pesa sul nostro desiderio di fisicità e di affettività, ma purtroppo è così. Insomma, in questo periodo dobbiamo tirare fuori il pragmatismo. Il virus potrebbe scomparire da solo? La risposta è no“.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, in 59 al pranzo di battesimo: tutti multati assieme al ristoratore

next
Articolo Successivo

La7, gaffe della ministra Azzolina che confonde i test sierologici coi tamponi rapidi. E l’immunologa Viola le spiega la differenza

next