In Lombardia per stare in giro durante gli orari di coprifuoco, dalle 23 alle 5 per tre settimane, sarà di nuovo necessaria la famigerata autocertificazione, che ha fatto tanta compagnia agli italiani durante il lockdown. Durante il coprifuoco si potrà infatti uscire solo per motivi di lavoro o comprovata urgenza. Oggi, 20 ottobre, il Viminale fornirà ulteriori dettagli, inviando una circolare ai prefetti con tutte le indicazioni del caso, scrive il Corriere della Sera.

Nel modulo dovranno essere specificate le proprie generalità e indicare per quale motivo ci si trova in giro oltre le 23 e prima delle 5. Nel caso si tratti di motivazioni legate al lavoro, nell’autocertificazione si dovrà specificare il luogo di destinazione, mentre in caso di comprovata urgenza bisognerà comunicare anche la durata dell’uscita e il motivo, oltre che la destinazione. Alle forze dell’ordine poi spetteranno gli eventuali controlli.

(immagine d’archivio)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Foggia, danno fuoco al centro anziani: è il quarto attacco dall’inizio dell’anno. L’ultimo episodio ad aprile, in pieno lockdown

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Gimbe: “Misure troppo deboli rispetto all’avanzata del contagio. Inseguire il virus spingerà il Paese verso il lockdown”

next