Adua Del Vesco ha scioccato gli inquilini e i telespettatori del “Grande Fratello Vip” con alcune sue dichiarazioni sul suo passato non facile. L’attrice ha confessato di aver subito una violenza sessuale a soli 12 anni da parte di un conoscente vicino alla famiglia. “Mi ha dato un passaggio in macchina e io ingenuamente ho accettato senza malizia, perché ero una ragazzina”, inizia così il racconto di Adua che poi ha rivelato di essersi sentita in colpa per tantissimi anni e di aver confessato tutto alla madre solo tre anni fa.

Adua ha dovuto combattere anche contro lo spettro dell’anoressia. L’attrice giovanissima ha iniziato a perdere visibilmente peso arrivando a sfiorare addirittura 32 kg. Adua ha spiegato che per lei “era uno sfogo emotivo” e che si sentiva travolta dalla depressione “non volevo parlare con nessuno”. Ad aiutarla ci ha pensato il primo fidanzato Giuliano: “Quando pesavo 32-34 kg e non ce la facevo nemmeno a camminare, lui mi ha portato al mare, a casa sua. Si occupava di me, mi prendeva di peso e mi faceva fare i giri in barca”. Fino alla salvezza definitiva in cui Adua ha ripreso in mano la sua vita.

Però in una intervista a FqMagazine Adua ha raccontato alcuni fatti legati all’anoressia in maniera diversa: “Tutto è cominciato intorno ai 18 anni, con i primi provini: essendo formosa, immediatamente hanno cominciato a dirmi che dovevo perdere peso. Ho subìto molte influenze sbagliate, mi sono fidata di gente spietata. Senza accorgermene, ho perso il controllo”. Chi l’avrebbe aiutata ha proseguito Adua è stata la famiglia “portandomi in una struttura per la riabilitazione, in Sicilia. Senza l’aiuto dei medici non se ne esce”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Enzo Miccio in fuga, i parenti della sposa tradita vogliono linciarlo: ma è uno scherzo de Le Iene

next
Articolo Successivo

“Fontana e Gallera scappati di casa, hanno comprato vaccini antinfluenzali taroccati dalla Cina”: l’amaro monologo di Crozza

next