Non c’è pace per “Ballando con le stelle” quest’anno. Tra casi di Covid-19 (prima Daniele Scardina e poi Samuel Peron) e l’appendicite fulminea di Raimondo Todaro, c’è spazio pure per un infortunio. Alessandra Mussolini si è fatta male durante le prove con il maestro Maykel Fonts, a darne notizia è stato prima Dagospia e poi è arrivata la conferma a “La vita in diretta”. “Durante una presa con Maykel, Alessandra è caduta e ora è diretta in una clinica romana per valutare cosa è accaduto”, ha detto Alberto Matano.

Poi sono arrivate le rassicurazioni da parte della diretta interessata che ha spiegato cosa è accaduto: “Ho fatto una tac e per fortuna non si è rotto niente. Ho sbagliato perché mi sono messa dietro Maykel mentre ballava e c’è stato questo colpo. Solo dolore e molto sangue uscito ma non ho nulla di rotto. Ora torno a casa perché non posso ballare”. Poi la Mussolini rivolgendosi al suo compagno ha chiesto: “Sei contento che non ballo? Se in accordo con qualche giurato?”. Il riferimento, nemmeno troppo velato, è al giudice dello show Selvaggia Lucarelli con la quale litiga ormai ogni puntata. Nelle prossime ore si saprà se l’aspirante ballerina potrà tornare in pista in tempo per la puntata di sabato. A questo punto della gara questa situazione ci penalizza un po‘. Forse dovremo cambiare la coreografia ma da oggi continuiamo a provare stando ovviamente attenti. In un modo o nell’altro noi sabato balleremo”, ha dichiarato Fonts a “Storie italiane”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ed Sheeran: “Bullizzato a scuola perché ero rosso, mi consigliarono di tingere i capelli di nero per avere successo”

next
Articolo Successivo

Cioccolato a rischio, l’allarme: ”Nel 2038 potrebbe non esserci cacao per tutti”

next