“Mai come ora è il momento di tacere e di lavorare. Se vogliamo parlare ci sono devi tavoli dove si può fare”. È lapidaria Paola Taverna all’indomani del post sul ‘Blog delle Stelle’ di Davide Casaleggio che ha scosso il Movimento. Più propenso a rispondere ad alcune ne domande è il presidente della commissione Antimafia, Nicola Morra: “Non è soltanto Casaleggio ad avere questo timore (la paura che il Movimento si trasformi in un partito, ndr). Io penso che sia un timore non totalmente corretto, ma ci sono sicuramente alcuni scricchiolii, che fanno capire come non abbiamo ben presente cosa sia il Movimento. Se ci si dovesse trasformare in una realtà partitica probabilmente anche Nicola Morra e tanti altri decideranno di farla finita. Noi non vogliamo – prosegue Morra – diventare dei professionisti della politica, ma al servizio di un’Italia che cambia, senza trarne vantaggi personali”. Quale ruolo dunque della piattaforma Rousseau? “Credo che ogni momento di discussione se autentica, sia un momento da apprezzare, a maggior ragione se si lavora sul rapporto tra che vi deve esser tra, nel rispetto di quanto la nostra Carta Costituzionale prevede, tra una forza politica e una società cui tutti noi dobbiamo tantissimo, ma che è di natura privata e che pertanto va assoggettata anch’essa alle regole della nostra legislazione”. Il deputato 5 Stelle Sergio Battelli si dice “scioccato dal post di Casaleggio”, perché “nessuno ha detto che ‘Rousseau’ deve essere cestinata”. Casaleggio pensa che i parlamentari vogliano chiudersi a ricciom ma così non è. Una struttura democratica – che oggi non c’è – serve ma questo non vuol dire sostituire la piattaforma, ma serve che questa diventi più democratica”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ballottaggi 2020, i risultati commentati da Peter Gomez. Rivedi la diretta

next
Articolo Successivo

Vincenzo De Luca sembra sia pronto a rispolverare vecchie pratiche di ‘recupero trombati’

next