A Mediaset non si punta certo sul gioco di squadra tra programmi e volti di rete. Guerre incrociate, ovviamente mai ammesse, alimentate con frecciatine, ripicche e veti di ogni tipo. L’altra faccia della medaglia: a Cologno Monzese viene concessa la libertà di esprimersi senza particolari strategie o fair play. Alla lista si aggiunge Ezio Greggio, volto di Striscia la notizia da più di trent’anni, dove tornerà da dicembre con Enzo Iacchetti e Michelle Hunziker.

All’azienda con cui lavora critica l’overdose di reality su Canale 5: “Amo la tv rispettosa, fatta con autori, conduttori e professionalità. Detesto i reality e lo schiacciamento al basso che sta facendo Mediaset non mi piace assolutamente. Quest’estate la replica della mia La sai l’ultima? ha ottenuto il 10% di share offrendo due ore di divertimento sano e nobile e non con una manica di disgraziati buttati su un’isola o dentro a una casa. Credo sia una roba vergognosa e continuerò a dirlo: per forza poi il pubblico ti lascia e si cerca i film su Netflix”, spiega in un’intervista al Secolo XIX precisando subito dopo che si tratta di “una critica costruttiva verso un’azienda a cui voglio molto bene”.

Quale sia stata la reazione dei vertici del Biscione non è dato saperlo, gruppo che però il conduttore non ha mai voluto lasciare: “Non ho mai avuto la tentazione di lasciare Striscia la notizia. Io e Antonio Ricci siamo i ministri di questa che ormai è un’istituzione. Mi diverto molto, da 33 anni: l’affetto è sempre stato immenso e il pubblico non va mai tradito, va amato e rispettato.” Greggio sarà presto nei cinema con la commedia “Lockdown all’italiana“, la sola locandina aveva suscitato numerose polemiche social per il titolo e il presunto sfruttamento della pandemia che ha causato molti morti: “Il problema e che gli attacchi sono arrivati da quattro gatti via social, il nascondiglio di persone vili, che vivono coperte da pseudonimi“, ha commentato l’attore.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francesco De Gregori: “C’era scritto “fesso” anziché “offeso”, ecco perché ho dovuto correggere i miei testi sul web

next
Articolo Successivo

Massimo Giannini positivo al covid: “Attenti, il virus c’è”. “In corso evacuazione della redazione de La Stampa”

next